Home / Attualità / Il Corigliano Rossano Calcio sparisce già prima di nascere?

Il Corigliano Rossano Calcio sparisce già prima di nascere?

Sono settimane di voci confermate e poi smentite. Il Corigliano Rossano sembra rimanere un’effimera chimera

Simulazione del modello della maglia del Corigliano Calcio creato della pagina Instagram Co_Ro.Spicyposting

di Josef Platarota

Si tinge di giallo il futuro calcistico di una fetta della città di Corigliano Rossano. Se da una parte Mauro Nucaro – settimana scorsa e direttamente sul suo profilo Facebook – aveva annunciato la nuova nomenclatura unica con tanto di Serie D, dall’altra parte il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti ha reso nota la graduatoria per gli eventuali ripescaggi a completamento dell’organico del campionato di Serie D 2020/2021.

Ebbene, nella lista delle società che hanno presentato domanda di riammissione non si fa alcuna menzione né di Corigliano Calcio né tanto meno di Corigliano Rossano. Da quello che si è venuto a sapere dagli ambienti pallonari cittadini, Mauro Nucaro è più che convinto di avere un piede e mezzo in Serie D, dato che considera cosa certa la squalifica ai danni del Roccella che permetterebbe la permanenza dei biancoblu nel campionato Interregionale.
Sul versante umori, a Corigliano c’è da registrare una forte apatia, e non solo da parte dello zoccolo duro del tifo organizzato. A Rossano, invece, spiritualmente e carnalmente uniti attorno ai colori rossoblu, la notizia di una fusione calcistica è stata per lo più snobbata se non peggio respinta per linea di principio.

Non mancano, d’altronde, coloro che sperano in un progetto comune per sognare, chissà, quel tanto agognato posto al sole nel Professionismo. La realtà si scontra tante volte con la fantasia, come dal mondo dell’impossibile o, per meglio dire, dell’improbabile, sembrano provenire le voci di un clamoroso recente riavvicinamento di Mauro Nucaro ad Acri.

Infine, si conferma una lunga tradizione che ha unito sia Corigliano che Rossano: la totale assenza delle istituzioni. Mai nessun Primo cittadino è stato un Sindaco tifoso. La fascia tricolore non è mai stata accompagnata da una sciarpetta rossoblu o biancoblu. Insomma, un vivacchiare con sport minori e progetti mordi e fuggi di cui, purtroppo, la politica ha le sue responsabilità.


Commenta

commenti