Home / Ambiente / Il Comune scarica i residui da sfalci e potature di fianco a una scuola (LE FOTO)

Il Comune scarica i residui da sfalci e potature di fianco a una scuola (LE FOTO)

Dopo la potatura del verde pubblico gli sfalci vengono caricati e portati nei pressi dell’istituto di Amica, altri invece rimangono da mesi lungo i marciapiedi

Discarica? I resti degli sfalci in contrada Amica

Se fosse accaduto appena due anni fa ci saremmo trovati, senza ombra di dubbio difronte ad un illecito immenso: una discarica di rifiuti urbani. Anzi, non una ma una infinità di discariche disseminate per tutto il centro urbano. Ora, con l’art. 20 della legge n. 37/2019 (Legge europea 2018), sono state apportate modifiche alle esclusioni dall’ambito applicativo della disciplina sui rifiuti previste dall’art. 185 del D. Leg.vo 152/2006 (Codice ambientale) con riferimento a sfalci e potature. Insomma, la legge dice che sfalci e potature da verde urbano non possono essere considerate più rifiuti urbani.

Gli sfalci in via Lavia

Ma il limite tra legale e illegale è sottilissimo. Soprattutto se quegli sfalci, quei residui da potatura rimangono a ridosso degli alberi per settimane intere, anzi per mesi. È il caso di via Lavia, nel centro urbano di Rossano, lungo il viale verso la sede del Liceo Scientifico. I rami del palmeto che campeggia lungo la strada sono lì, in attesa di essere raccolti e smaltiti da prima di ferragosto. Nessuno interviene. Tutto questo nonostante ci siano già ragazzi, docenti e residenti che frequentano quella strada e per percorrerla devono praticamente camminare sulla carreggiata, con tutti i rischi e i pericoli del caso.

Non solo, quegli sfalci sono ormai secchi e basterebbe un cerino per mandare tutto in fumo. E se accadesse non sarebbe proprio una cosa semplice da gestire dato che nei pressi ci sono altri alberi ma soprattutto ci sono le abitazioni. Non sarebbe il caso di intervenire?

Il caso del furgone comunale che scarica sfalci di fianco a una scuola 

Il camion del comune che scarica gli sfalci vicino alla scuola

A tutto questo, però, si aggiunge un’altra situazione che creerà non pochi imbarazzi agli uffici comunali del settore ambiente (lo stesso settore diretto dal dirigente Amica di cui ancora poco o nulla si sa sul suo destino manageriale in seno al municipio). C’è una foto, infatti, che ritrae un camion con tanto di fregio del comune di Corigliano-Rossano e la scritta “Servizio Viabilità” nel mentre scarica sflaci nei pressi della scuola primaria di Amica. Per l’esattezza lungo la strada sterrata che divide l’edificio scolastico ed il prospiciente impianto sportivo. Non sappiamo se sia un deposito autorizzato. Di certo non c’è alcun cartello, tantomeno ci sono segnali che indicano tale eventualità. Ad ogni modo una “discarica” di rami, foglie e rovi di fianco ad una scuola e ad un centro sportivo non è un bel vedere e crediamo non sia nemmeno molto salubre per un ambiente che è già frequentato da bambini e da adolescenti e che da settimana prossima lo sarà ancora di più.

La condizione in cui versa l’area circostante la scuola di Amica

In questi casi non è tanto la causa a fare la differenza, bensì gli effetti. Non spetta a noi giudicare o dire se quel cumulo di sfalci è o meno lecito, legale o autorizzato, ci limitiamo a commentare un dato di fatto che sicuramente non ci restituisce una condizione bella della nostra Città né incoraggiante.


via Lavia, oggi

Commenta

commenti