Home / Attualità / iGreco, presentata richiesta per realizzazione struttura sanitaria

iGreco, presentata richiesta per realizzazione struttura sanitaria

igrecoSopperire alle importanti carenze territoriali in ambito sanitario. Con questo obiettivo, Saverio Greco, rappresentante legale del Gruppo iGreco Ospedali Riuniti, ha presentato richiesta al Comune di Cariati affinché autorizzi la realizzazione di una struttura sanitaria nella città del Basso Jonio cosentino. Il progetto garantirebbe servizi per una vasta area di utenza. Fino a qualche decina di migliaia di cittadini calabresi. E interesserebbe, oltre al comune di Cariati, anche quelli di tutta la zona circostante e montana. Come ad esempio Scala Coeli, Terravecchia, Mandatoriccio, Pietrapaola, Calopezzati, Campana, Bocchigliero, Longobucco, Torretta di Crucoli e Umbriatico. “Da quando si è deciso di chiudere l’ospedale – ha dichiarato Saverio Greco – , quel territorio soffre una grave carenza di servizi sanitari. Il progetto che abbiamo in mente rappresenta una concreta opportunità per migliorare lo stato delle cose”.

IGRECO, IL PROGETTO

La società, che è già accreditata e autorizzata a esercitare attività sanitaria in due unità operative di Cosenza, ex Madonnina ed ex Sacro Cuore, e in quella di Dipignano, ex Madonna della Catena, ha intenzione di trasferire a da Cosenza a Cariati 70 posti letto e di avviare contestualmente alcune attività ambulatoriali. Nel dettaglio, si legge nella richiesta avanzata al Comune, si vorrebbero dislocare 16 posti di chirurgia generale, 16 di ortopedia, 2 di otorino laringoiatria, 16 di ostetricia e ginecologia, 30 di riabilitazione intensiva. Inoltre, si prevede l’avviamento di prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’attivazione di ambulatori di oculistica e di cardiologia.

LA STRUTTURA

Un progetto come questo necessita però di una struttura adeguata. E la società ha già in mente due possibili soluzioni. Lo ha precisato lo stesso rappresentante legale del Gruppo. “La nostra famiglia possiede a Cariati un edificio che è idoneo. E che potrebbe essere adibito per ospitare ambulatori e pazienti. Tuttavia, qualora l’ex presidio ospedaliero Vittorio Cosentino fosse posto in vendita, noi parteciperemmo di certo alla gara. Da parte nostra – ha concluso – c’è tutta la volontà per trovare la soluzione migliore e per dare avvio al progetto in tempi celeri”.

Commenta

commenti