Home / Attualità / I numeri drammatici del turismo elaborati da Federalberghi

I numeri drammatici del turismo elaborati da Federalberghi

Fonte: CORRIERE DELLA CALABRIA

Ad Aprile il mercato si è completamente fermato (-99,1% per gli stranieri e -96,4% per gli italiani). A rischio migliaia di posti di lavoro. Formica: «Occorre un cambio di passo, per evitare il tracollo del settore»

«L’impatto del Covid-19 sul sistema dell’ospitalità italiana è stato devastante». Con queste parole, il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca ha presentato alla Commissione X del Senato gli ultimi dati dell’osservatorio Federalberghi, che monitora mensilmente un campione di circa duemila alberghi. Federalberghi ha rilevato a marzo un vero e proprio tracollo delle presenze negli esercizi ricettivi (-92,3% per gli stranieri e -85,9% per gli italiani). Ad aprile il mercato si è completamente fermato (-99,1% per gli stranieri e -96,4% per gli italiani).

Ad aprile, nel comparto ricettivo sono andati persi circa 106 mila posti di lavoro stagionali. Se si guarda all’intero settore turismo, i posti di lavoro stagionali a rischio per l’estate 2020 sono quasi 500mila. Una volta terminata la cassa integrazione, dovranno purtroppo attendersi conseguenze anche sui contratti a tempo indeterminato. «Tutto questo, segnala Bocca, comporterà nel 2020 la perdita di oltre 305 milioni di presenze (-71,2% rispetto al 2018), con un calo di fatturato del settore ricettivo pari a quasi 17 miliardi di euro (-71,4%)».

«Tutti gli imprenditori del settore – ha detto il presidente degli albergatori della provincia di Cosenza Giancarlo Formica – si stanno chiedendo come e quando potranno ripartire. Ci sono anche molti che si domandano se sia il caso di riaprire. Noi ovviamente lottiamo con i denti perché vogliamo riaprire, ma potremo farlo solo se i provvedimenti in itinere, c opportunamente modificati, e quelli che verranno, forniranno alle imprese il sostegno e le
certezze necessarie, perché le imprese da sole non ce la fanno». Conclude Formica: «Occorre un cambio di passo, per evitare il tracollo del settore, chiediamo interventi urgenti volti a sostenere le imprese del turismo».


Commenta

commenti