Home / Breaking News / “Ho dato tutto, ora torno alla terra”. Pasquale Manfredi, sindaco di Campana, dopo due mandati non si candiderà più

“Ho dato tutto, ora torno alla terra”. Pasquale Manfredi, sindaco di Campana, dopo due mandati non si candiderà più

di LUCA LATELLA

pasquale-manfrediDopo dieci anni è tempo di abdicare. Appena 32enne l’allora neo sindaco di Campana, Pasquale Manfredi (foto), di strada ne ha fatta, ha amministrato la sua comunità a testa alta e nel pieno rispetto degli uomini e delle leggi.
«Vado fiero – racconta Manfredi, oggi 42enne, al L’Eco dello Jonio – dell’integrità morale attraverso la quale ho operato da sindaco in questi due lustri. Ho deciso di non ricandidarmi e l’ho annunciato con largo anticipo per il rispetto nei confronti dei miei concittadini perché dopo tutto questo tempo, passato a gestire la res publica, sono venuti a mancare stimoli ed entusiasmo». Con una laurea in Economia preferisce l’agricoltura e l’allevamento, punti cardine della sua azienda. Tornerà all’azienda agricola di famiglia senza rimpianti, ma consapevole di aver agito nel bene e che tutti gli errori commessi sono stati compiuti «in buona fede».
«Questi anni non sono stati di certo facili – prosegue il sindaco (rimarrà in carica fino al 31 maggio) – probabilmente ho amministrato negli anni peggiori dal dopoguerra ad oggi. Con una crisi schiacciante che quasi non permetteva nemmeno l’ordinaria amministrazione. Ai momenti migliori, quelli post elettivi, quelli densi di entusiasmo e voglia di fare, il primo finanziamento ricevuto, le opere pubbliche completate, si sono alternati anche momenti drammatici per la mia comunità: dalla grave carenza idrica all’emergenza rifiuti. Alcuni periodi sono stati davvero duri».
Pasquale Manfredi, al tirar delle somme, si dedicherà al suo lavoro ed ai suoi affetti, cosciente di aver lasciato in eredità alla sua Campana, il paese dell’Elefante di pietra,  un «chiaro segnale di rispetto e di dialogo con i miei concittadini, un clima costruttivo e tranquillo».
La notte del primo giugno poggerà la testa sul cuscino, certamente orgoglioso per aver dato il massimo alla sua comunità. Ed altrettanto felice perchè tornerà alla terra. La sua, produttiva.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*