Home / Breaking News / Graziano, sanità: Basso Jonio vessato oltre misura

Graziano, sanità: Basso Jonio vessato oltre misura

grazianoSanità, in merito alle polemiche sorte sull’ipotetica rimodulazione degli orari del pronto soccorso dell’ospedale di Cariati, Giuseppe Graziano denuncia il modo vergognoso con cui si tenta di perpetrare l’ingiustificabile depotenziamento del Pronto soccorso. “Si pensi a potenziare e a riorganizzare la rete ospedaliera e di primo soccorso della Sibaritide – ha tuonato il segretario questore -. Invece di prevedere nuovi tagli e creare, di conseguenza, ulteriori disagi all’utenza. Sullo Jonio cosentino, nonostante le promesse e le rassicurazioni del Commissario straordinario Scura il servizio pubblico sanitario rimane vergognosamente fermo a un palo, da oltre cinque anni. Da quando, in modo altrettanto vergognoso, si decise di chiudere l’ospedale di Cariati. Proprio nel cuore di un comprensorio disagiato e isolato a causa di una rete viaria inadeguata. 

Ancora una volta se il contenuto della bozza del nuovo Atto aziendale dell’Asp dovesse diventare attuativo, ci troveremmo di fronte ad una scacchiera. Dove le pedine dello Jonio sarebbero le prime a soccombere. Nel quadro generale di riorganizzazione e razionalizzazione delle spese. Il “Cosentino” di Cariati e le popolazione del basso Jonio e dell’alto crotonese hanno già pagato oltremisura lo scotto del Piano di rientro di Scopelliti. Ritrovandosi in un territorio vasto e mal servito. Senza una rete di assistenza ospedaliera. E dove, differentemente da altre aree della provincia dove proliferano le strutture convenzionate dei privati, il servizio sanitario è assicurato esclusivamente dall’apparato pubblico. Oggi, dopo la conversione dell’ospedale in Capt avvenuta negli anni scorsi, si vuole rendere meno operativo anche il Pronto soccorso.

GRAZIANO: PORTEREMO AVANTI OGNI FORMA DI CIVILE PROTESTA

Certo la mente che ha partorito questa idea, proposta all’interno della bozza dell’atto aziendale, probabilmente non conosce minimante quest’area della Calabria. Dove per muoversi negli appena 30 chilometri che separano Cariati dallo Spoke di Rossano occorrono, in condizioni di traffico normali, circa 45 minuti. Un tempo di gran lunga oltre ogni limite salvavita. E nonostante queste siano informazioni dette e ripetute migliaia di volte negli ultimi anni si continuano a riproporre sempre gli stessi errori. Perché? C’è una logica perversa, di accanimento e persecuzione, nei confronti di questo territorio. E non sono, come va dicendo qualcuno, manie di persecuzione. Né, tantomeno, atti di sciacallaggio politico dei rappresentanti istituzionali della Sibaritide.

Che ormai a cadenza settimanale sono costretti a scendere in piazza e protestare, di fianco alla gente. Per rivendicare i diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione. Questo – precisa il Segretario questore – è a dir poco vergognoso. Sulla questione del Pronto soccorso di Cariati colgo con fiducia e speranza le recenti dichiarazioni del Governatore Oliverio. Che ha assicurato di preservare la struttura da ogni ulteriore e ingiustificabile dimensionamento. Speriamo, solo, sia una presa di posizione concreta e decisa. Diversamente, insieme ai cittadini e ai Sindaci, porteremo avanti ogni forma di civile protesta. Per fermare questo ennesimo piano di prepotenza nei confronti del territorio.

Commenti
Inline
Inline