Home / Breaking News / Graziano su Pronto Soccorso intasati

Graziano su Pronto Soccorso intasati

graziano

Giuseppe Graziano

Offrire un servizio alla metà del suo costo. Sarebbe possibile se solo si adottasse un’organizzazione sanitaria meno cervellotica. E’ quanto dichiara il presidente de Il Coraggio di Cambiare l’Italia, Giuseppe Graziano; intervenuto a margine di una vicenda che vede un’anziana signora cardiopatica costretta a effettuare la visita cardiologica e l’elettrocardiogramma in prenotazione nientemeno che il prossimo 9 settembre 2019. “In Calabria – sottolinea Graziano – si può essere cardiopatici e vedersi fissare una visita ambulatoriale a fine 2019. È un dato reale. E allora la gente bisognosa che fa? O si mette le mani in tasca e si rivolge ad uno studio medico privato; oppure se si è indigenti – e molto spesso questo è il caso – stretti alle corde si va in Pronto soccorso. Dove quella stessa visita, che al centro di prenotazioni aveva tempi biblici, viene effettuata quasi seduta stante. Cosa comporta tutto ciò? Che il controllo e l’esame effettuato in emergenza costa alle casse pubbliche esattamente il doppio dei soldi.

Come si fa – aggiunge Graziano – a posticipare a 18 mesi un esame così semplice ma altrettanto importante per determinare una patologia in atto? Siamo davvero all’assurdo. All’anziana signora, pensionata civile, per avere un servizio che le spetta di diritto non le resta altro che rivolgersi ad un Pronto Soccorso. Magari fingendo l’aggravamento della patologia così che i medici la visitino e le effettuino gli esami clinici. È possibile – si chiede Graziano – una cosa del genere? In Calabria a quanto pare sì. Ed è questo, insieme al taglio spropositato degli ospedali, uno dei motivi per cui i punti di emergenza sono sempre sovraffollati. Perché, allora il commissario Scura e il governatore Oliverio, piuttosto che perdersi in continue diatribe senza fine, non iniziano a ragionare su questi aspetti elementari?

GRAZIANO: RIPARTIRE DALLA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE AMBULATORIALE

Ci vuole molto a capire che per tamponare la continua emergenza sanitaria nella nostra regione è necessario ripartire dalla riorganizzazione della rete ambulatoriale territoriale? È vero, il piano sanitario prevede tutto questo. Ma i medici di base sono messi nelle migliori condizioni di operare ed intervenire? Assolutamente no e magari se proprio i medici di famiglia fossero forniti, come avviene in tante altre regioni italiane, di strumenti come l’ecografo o l’elettrocardiogramma, questa lunga lista d’attesa sarebbe sfoltita.

Così come – aggiunge il massimo dirigente del CCI – dovrebbe essere meglio gestita la procedura per il rilascio dei farmaci cosiddetti salvavita. Chiunque ne fa uso sa, purtroppo, che servono tempi biblici per ottenerli eppure, già per loro nomenclatura, dovrebbero essere facilmente accessibili. Anche in questo caso – conclude Graziano –  la soluzione passa attraverso la rete ambulatoriale che potrebbe smaltire code infinite agli sportelli e rendere un po’ più di sollievo alla vita degli ammalati.

Commenta

commenti