Home / Breaking News / Graziano: Calabresi nel mondo, si profila ennesimo spreco

Graziano: Calabresi nel mondo, si profila ennesimo spreco

grazianoEsprimendosi sulla proposta di legge avanzata dal consigliere Orlandino Greco circa le relazioni tra la Regione Calabria, i calabresi nel mondo e le loro comunità, Giuseppe Graziano, presidente nazionale de Il Coraggio di Cambiare l’Italia si mostra alquanto perplesso. “Dietro la Proposta di Legge 66 in materia di relazioni con i calabresi nel mondo (sulla quale domani, 17 aprile, il consiglio regionale è chiamato a esprimersi – pare celarsi l’ennesimo spreco della struttura politico-amministrativa della Regione Calabria. Una norma che mette in bilancio, per il prossimo anno e mezzo, 600mila euro; di cui 300mila destinati ad “attività di funzionamento per la consulta”. Di cosa stiamo parlando? È forse questo l’ennesimo escamotage per rimpinzare il piatto delle prebende pre-elettorali? O per andare a giustificare i giri per il mondo del Governo Oliverio e del suo delegato? È opportuno fare chiarezza, allora, ed essere più circoscritti e chiari.

Giusta una legge per gli emigrati calabresi, ma che sia davvero di sostegno ai concittadini che hanno bisogno e non funzionale alla politica e alle sue spese.  Crediamo – dice Graziano – che il Consiglio regionale della Calabria non debba approvare a cuor leggero questa proposta di legge. Perché se da un lato è vero che nella relazione introduttiva ci sono tutte le premesse per una misura positiva di sostegno ai cittadini calabresi emigrati e bisognosi, così come a quelli destinati al reintegro di coloro che intendano rientrare nei loro territori; dall’altro è pur vero che dietro una nobile attività filantropica e di sostegno sociale sembra celarsi l’ennesimo grande spreco della Regione Calabria.

GRAZIANO: A COSA SERVONO REALMENTE I SOLDI MESSI A BILANCIO?

E sono proprio i numeri di bilancio, riportati nello schema della proposta di legge, a suscitare una marea di dubbi. E di contraddizioni – aggiunge il leader del movimento che da mesi è impegnato in più regioni del meridione per il sostegno alla meritocrazia e contro gli sprechi della pubblica amministrazione– se ne evidenziano un’infinità. Una su tutte, che a nostro avviso stona come una campana, è quellavoce di bilancio  che copre il 50% della dotazione finanziaria complessiva, pari a 600mila euro, destinata alle spese di funzionamento di una consulta di 50 persone! Di che consulta si parla? A cosa servono realmente questi soldi, atteso che nella relazione introduttiva alla proposta di legge viene più volte evidenziato che la normativa tende proprio ad abbattere le spese cosiddette di rappresentanza e anche i costi dei rimborsi?

Perché, poi, sovvenzionare soggetti terzi all’amministrazione pubblica, in questo caso le associazioni, per aiutare i calabresi bisognosi nel mondo? Non solo. Ci sono altre contraddizioni nelle spese di questa legge. Come quelli relativi ai contributi previsti per i concittadini emigrati che volessero ritornare a vivere in Calabria e per il rientro delle salmePer questi due capitoli sono stati stanziati in bilancio appena 20mila euro nel totale dei due anni. Sembra o no una presa in giro?

APPELLO A TUTTI I CONSIGLIERI REGIONALI

Allora – aggiunge Graziano – rivolgiamo un appello a tutti i consiglieri regionali. Affinché prima di approvare a cuor leggero questa misura, magari pensando di star compiendo una buona azione, vagliassero bene tutti i riscontri. Sarebbe opportuno rimodulare le spese in base alle esigenze. E magari creare, con le restanti voci di rappresentanza, qualche posto di lavoro utile a tamponare il fenomeno della migrazione dei calabresi. Solo così – conclude – la politica calabrese riuscirebbe a dare un segnale forte rispetto alle tante polemiche e scandali nazionali che in questi giorni la  stanno coinvolgendo.

Commenta

commenti