Home / Attualità / Graziano: Aeroporto di Sibari, svolta epocale

Graziano: Aeroporto di Sibari, svolta epocale

aeroporto di sibari

E’ stato approvato in sede di consiglio regionale  l’emendamento proposto dal consigliere Giuseppe Graziano e dal consigliere Guccione che prevede la realizzazione dell’ Aeroporto di Sibari . “Una svolta epocale – così l’ha definita il segretario questore del Consiglio regionale – che potrebbe risolvere definitivamente la storica questione dell’isolamento di una delle aree della regione con maggiore potenziale economico. L’aeroporto sarà coordinato e gestito insieme agli altri tre aeroporti calabresi. La nostra battaglia per il diritto alla mobilità prosegue senza sosta. E con entusiasmo oggi possiamo avocare a questo comprensorio un altro buon risultato. Dopo il paventato depennamento dell’aeroporto di Sibari dalla bozza del nuovo PRT, lo scorso 26 Ottobre 2016 in Consiglio regionale invitai i colleghi di Maggioranza e Opposizione ad una levata di scudi affinché non si perpetrasse l’ennesimo torto a danno del comprensorio della Sibaritide, del Pollino e dell’Area urbana Corigliano-Rossano e più in generale del Nord Calabria.

LA SPERANZA DELL’ AEROPORTO DI SIBARI DIVENTA CONCRETA

Così è stato – sottolinea il Componente dell’Ufficio di presidenza – e grazie anche al collega Guccione, che con me ha voluto presentare le mozioni di reinserimento dello Scalo nel nuovo Piano, ora la speranza di un nuovo aeroporto nella Sibaritide diventa più concreta. Ci sono milioni di euro da fondi europei che potrebbero essere investiti per la concretizzazione dell’opera attraverso la nuova programmazione comunitaria. Da qui, allora, il mio invito – scandisce ancora Graziano -, che condivido con le Istituzioni e con i cittadini della Sibaritide, affinché non si perdi altro tempo. La Regione Calabria indica subito le procedure per la realizzazione di questa infrastruttura strategica.

Nel frattempo, da rappresentanti istituzioni di coscienza e che hanno a cuore le sorti del territorio,continueremo a batterci perché il diritto alla mobilità venga finalmente riconosciuto. E quindi che si possano avere lungo la litorale ionica strade sicure e ferrovie efficienti,integrate ad un sistema portuale e aeroportuale funzionante. Non chiediamo la luna – conclude – ma semplicemente quello che è nelle prerogative di ogni cittadino italiano.

Commenti
Inline
Inline