Home / Breaking News / Giovani Verdi Rossano: sostegno a Giusy Elisa Romano

Giovani Verdi Rossano: sostegno a Giusy Elisa Romano

giovani verdi rossanoIl movimento dei Giovani Verdi Rossano spiega in una nota stampa le motivazioni a margine del sostegno da loro accordato a Giusy Elisa Romano, candidata nel listino plurinominale alla Camera nel collegio numero 1 ( Calabria nord) nella lista Insieme. “Classe 1985, 12 anni di passione politica esercitata all’interno dello stesso partito, i Verdi; in cui attualmente ricopre il ruolo di dirigente nell’esecutivo nazionale. Carica cui è arrivata dopo aver maturato un bagaglio di esperienze attraverso numerose e spinose battaglie nelle quali il filo conduttore è il rispetto per i temi ambientali.

A favore dell’utilizzo di fonti rinnovabili che avrebbero consentito di non barattare il diritto al lavoro con quello alla salute, contro la pessima gestione dei rifiuti in Calabria (Bucita tra tutte), dal No Triv ai presidi e alle manifestazioni che hanno tentato disperatamente di impedire che il nostro territorio fosse denudato dei suoi servizi essenziali e dunque colpito nella sua dignità.

GIOVANI VERDI ROSSANO: LA ROMANO VOLTO GIOVANE MA CON BAGAGLIO D’ESPERIENZA PULITO

Elisa c’era, c’ha tentato e c’ha creduto attraverso il suo modus operandi leale e corretto. Il nostro appello, che siamo certi verrà ascoltato, si concretizza nella richiesta di mantenere l’incorruttibilità e la lontananza dai beceri personalismi. Anche e soprattutto all’interno degli scranni parlamentari. Chiediamo altresì di portare all’interno del parlamento le questioni che insieme a lei abbiamo già affrontato nei territori. In modo da poter pervenire definitivamente alle risoluzioni attraverso il peso politico che meritano da oramai troppi anni. Ora è possibile.

Un volto giovane, quello di Elisa, ma con un bagaglio di esperienza che fa la differenza perché pulito; e tanto basta per accordare fiducia al suo programma elettorale, che vi invitiamo a leggere, tutto improntato alla riconversione ecologica della politica e dell’economia; oltre che alla salvaguardia dei diritti fondamentali dell’uomo, in netto distacco con le logiche egoistiche della lex mercatoria e con quelle per le quali i diritti appaiono privilegi. Risolutiva sarà l’onestà intellettuale di voi elettori, il 4 Marzo. Affinché sia possibile cancellare l’impotenza e la liquidità delle istituzioni pubbliche. Nonché ripristinare l’ordine democratico di timbro costituzionale all’interno del quale diritti e doveri sono opportunamente esercitati e tutelati”.

Commenta

commenti