Home / Attualità / Gianni Papasso sostiene l’emendamento di Magorno sul Decreto Calabria

Gianni Papasso sostiene l’emendamento di Magorno sul Decreto Calabria

 

Il Primo cittadino di Cassano all’Ionio si dice d’accordo con il Senatore e sindaco di Diamante, Ernesto Magorno

cassano

Il sindaco della Città di Cassano All’Ionio, Gianni Papasso, si schiera a sostegno della proposta contenuta nell’emendamento al secondo decreto Calabria, presentato dal Senatore Ernesto Magorno, in cui, in materia di gestione della sanità, chiede l’istituzione e l’inserimento in seno alla struttura del Commissario ad Acta di un Comitato di Sindaci dei Comuni calabresi. Papasso, dopo avere espresso parole di lode per l’iniziativa parlamentare del senatore di Italia Viva, ha sottolineato che i primi cittadini, in quanto figure istituzionali di prossimità per le comunità locali, hanno ben chiare le problematiche e le criticità che interessano le medesime. Pertanto, ha aggiunto, potrebbero, di certo, costituire il necessario valore aggiunto, per l’organismo commissariale ai fini delle scelte che dovrà praticare sul territorio regionale, che per la situazione annosa e arcinota a ogni livello in tema di sanità, ha tanto bisogno di recuperare il terreno e il tempo perduto per la sicurezza della salute pubblica.

Il sindaco di Cassano, relativamente all’emergenza da Covid-19 che dallo scorso mese di marzo sta fronteggiando quotidianamente a livello locale, “a mani nude” per la carenza di soprattutto di mezzi di difesa, conscio delle proprie responsabilità, ha affermato di condividere le tesi esposte dal parlamentare calabrese per contribuire a migliorare l’offerta dei servizi sanitari in Calabria.

Dal canto suo, Gianni Papasso, ha proposto addirittura l’istituzione di una Giunta dei Sindaci, con il mandato di collaborare con il Commissario ad Acta sia nella gestione dell’emergenza, che anche del riordino dei conti e rimodulazione del sistema sanitario in Calabria.

In ogni caso, il sindaco di Cassano All’Ionio, anche come appartenente all’assemblea nazionale dell’Anci sin da subito ha manifestato la propria disponibilità a dare il proprio contributo in ogni sede istituzionale per migliorare l’attuale stato di estremo abbandono derivante da un sistema sanitario regionale inadeguato che non riesce a soddisfare le richieste dei cittadini calabresi.


Commenta

commenti