Home / Breaking News / Geraci sotto inchiesta. I giudici indagano per omissione

Geraci sotto inchiesta. I giudici indagano per omissione

geraci

Giuseppe Geraci

Rifiuto ed omissione d’atti d’ufficio. Sono questi i capi d’imputazione che il sostituto procuratore di Castrovillari, Silvia Fonte Basso, contesta al sindaco, Giuseppe Geraci. Tanto che lo scorso 17 febbraio ha chiesto al Gup (giudice per l’udienza preliminare) della città del Pollino, Teresa Reggio, il rinvio a giudizio. La vicenda al centro della richiesta riguarda il sequestro preventivo del depuratore comunale che si trova in località Ciciriello.  L’udienza preliminare è stata già fissata per lunedì 3 aprile prossimo. Il pm chiede che Geraci venga sottoposto a processo. «Nella sua qualità di sindaco dopo la notifica avvenuta in data 31/07/2013 del decreto di sequestro preventivo del depuratore sito in loco Ciciriello del Comune di Corigliano Calabro. Disposto dal pm in data 30/07/2013 (e convalidato dal gip in data 05/08/2013 con notifica al predetto in data 12/08/2013) nell’ambito del procedimento penale n. 501445/2013 Rgnr.

Decreto con il quale il Geraci veniva nominato custode del predetto impianto. E veniva disposta la restituzione provvisoria a lui dello stesso depuratore per gg. 60. Al fine di acquisire l’autorizzazione allo scarico per il collettore fognario. Effettuare il trattamento delle acque nel rispetto di tutti i limiti indicati nel predetto decreto e nelle tabelle allegate. Nonché procedere allo smaltimento dei fanghi derivanti dal trattamento delle acque reflue. Secondo quanto disposto dalla normativa vigente in materia. Geraci insomma ometteva di compiere un atto del suo ufficio ovvero adempiere alle sopraindicate prescrizioni nel termine indicato nel predetto provvedimento. Né esponeva le ragioni del predetto ritardo. È la depurazione delle acque, dunque, al centro del fascicolo d’inchiesta di cui è titolare il pm Fonte Basso. E il reato del quale il sindaco è accusato prevede, in caso di condanna, la reclusione da sei mesi a due anni.

GERACI OGGI DIFESO DA MARIO ELMO

Nel 2013, attraverso l’allora proprio difensore, l’avvocato Francesco Nicoletti, il primo cittadino coriglianese aveva prodotto una memoria difensiva scritta. E, successivamente, era stato interrogato dal pm richiamandosi a quella stessa memoria difensiva. Purtuttavia, lo stesso magistrato inquirente ha richiesto che l’indagato per quei fatti venga mandato a processo. A difendere il sindaco oggi è l’avvocato Mario Elmo. Purtroppo le problematiche legate al buon funzionamento degli impianti di depurazione, nonché a tutta la questione legata agli scarichi fognari comunali, sono tali e tanti, che proprio qualche giorno fa lo stesso sindaco ed il funzionario comunale responsabile della manutenzione sono stati denunciati dai carabinieri-forestali perché, sempre a Corigliano Centro, sono stati rinvenuti tre scarichi di acque reflue non a norma.

Possiamo dire che i sindaci coriglianesi che si sono succeduti dal 1990 ad oggi, chi più chi meno, si sono trovati sempre a dover fronteggiare emergenze legate al buon funzionamento dei depuratori e degli scarichi di acque reflue, per non parlare anche della annosa questione legata alla mancanza, in alcune zone del Centro storico cittadino di un impianto per la depurazione degli scarichi fognari.

Fonte: La Provincia di Cosenza

Commenta

commenti