Home / Attualità / GeneraAzioni, un progetto di “Auto mutuo aiuto”

GeneraAzioni, un progetto di “Auto mutuo aiuto”

generaazioniIn città tra coloro che si adoperano per mitigare, se pur in parte, i tanti problemi di natura sociale, che non attengono soltanto alla questione economica, ma si riferiscono anche a quella di carattere relazionale e comunicativo, vi è l’Associazione Generaazioni. Un sodalizio costituito da numerosi associati, in prevalenza giovani d’età e dislocati in lungo e largo nell’hinterland comunale, che annovera, nelle vesti di presidente, uno dei suoi principali promotori, Alfonso Falcone. Nei giorni scorsi, sempre nell’ottica di una politica di servizio a favore della cittadinanza, l’Associazione ha presentato un nuovo progetto, denominato “Auto mutuo aiuto”.

GENERAAZIONI, UN’OPPORTUNITÀ PER TRATTARE PROBLEMI CONCRETI

A spiegarne motivi ispiratori e obiettivi è il presidente Alfonso Falcone e Anna Bifano, che tanto si sono adoperati per la concreta attuazione di tale progetto. “Si tratta di un’opportunità per trattare i problemi concreti che le persone, con l’avanzare degli anni, si trovano a fronteggiare nella propria vita (malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari, scarse relazioni affettive, disagi di carattere economico, ecc.). Parlare di queste problematiche con altre persone che hanno attraversato tali esperienze può infatti aiutare non poco ad affrontare le difficoltà quotidiane ed imparare a riconoscerle per il futuro. Il cosiddetto “Auto mutuo aiuto” – spiega Falcone – si pone come un momento d’incontro tra persone, singole o coppie, per allontanare l’isolamento ed ascoltare informazioni e soluzioni. La decisione di far nascere un gruppo di “Auto mutuo aiuto” è nata dalla nostra ricerca e conoscenza del territorio coriglianese, che purtroppo presenta sempre più numerose situazioni di disagio economico-sociale, sia familiare che personale. La nostra decisione è sorta dalla constatazione dello stato di difficoltà vigente di molte persone nel chiedere aiuto e nell’essere ascoltate.

(fonte: La Provincia di Cosenza)

Commenta

commenti