Home / Attualità / Garanzia Giovani, flop negli atenei

Garanzia Giovani, flop negli atenei

garanzia giovani«Quali sono i motivi che hanno di fatto bloccato la misura del programma di Garanzia Giovani-Apprendistato di alta formazione? La Regione Calabria si era impegnata a finanziare la formazione attraverso un voucher (buono formativo). Era stato stipulato un protocollo di intesa con il sistema universitario calabrese. Per le lauree triennali, magistrali, i master di I e II livello e i dottorati di ricerca. Una dotazione finanziaria di oltre 7 milioni di euro». È quanto sostiene il senatore accademico dell’Università della Calabria e rappresentanti degli studenti, Michele Leonetti.
«La Regione Calabria – prosegue Leonetti – partecipa finanziariamente alla realizzazione della formazione. Attraverso il riconoscimento di un voucher (buono formativo) all’apprendista differenziato in relazione al titolo da conseguire.

GARANZIA GIOVANI, UNA MANCATA OPPORTUNITA’

Il voucher contribuisce a finanziare l’iscrizione al corso. E ai servizi di tutoraggio universitario messi a disposizione per l’apprendista.  Per il titolo di laurea, l’importo del voucher è fino ad un massimo di 5 mila euro all’anno. In base ai crediti universitari da conseguire. Per il conseguimento del titolo di Master, l’importo del voucher è fino ad un massimo di 6 mila euro/anno (per un totale di 12 mila euro per i Master di II livello). Per il conseguimento del titolo di dottore di ricerca, l’importo del voucher è fino a 10 mila euro all’anno. Pper un totale di 30 mila euro per l’intero triennio del dottorato).

“Dal 2015 gli studenti – precisa Michele Leonetti – di tutte le università calabresi stanno aspettando l’avviso pubblico “Apprendistato di alta formazione”. Come previsto dal programma Garanzia Giovani Calabria. Troppo tempo è già passato e quella che doveva essere un’occasione importante per i giovani universitari si sta trasformando in una mancata opportunità di costruire un rapporto col tessuto produttivo. I giovani sono una risorsa e non una riserva».

Fonte: Corriere della Calabria

Commenta

commenti