Home / Attualità / Garante di diritti dei disabili, avviato l’iter d’istituzione

Garante di diritti dei disabili, avviato l’iter d’istituzione

garante di diritti dei disabiliAvviata in prima commissione “Affari istituzionali, Affari generali e normativa elettorale” la discussione sulla legge che istituisce il Garante di diritti dei disabili. A comunicarlo, una nota dell’ufficio stampa del consiglio regionale che ricorda come il provvedimento sia stato proposto dal presidente della commissione Franco Sergio. «Persona autonoma e super partes – illustra nel presentare la proposta Sergio – il Garante dei diritti delle persone con disabilità è una sorta di difensore civico che si adopera per affermare i principi fondamentali delle persone con disabilità e che per queste ultime costituisce una fonte di informazione sui diritti fondamentali ad esse legate. Una figura di elevato spessore che assurge a mediatore istituzionale tra i disabili e l’amministrazione, senza mai sostituirsi ad essa, ma vigilando sull’applicazione delle leggi e sollecitando interventi».

GARANTE DI DIRITTI DEI DISABILI, PROPOSTA DI LEGGE LICENZIATA ALL’UNANIMITA’

«Il dibattito è stato arricchito dal contributo di diverse associazioni di categoria – è scritto nella nota –. Che, nel corso delle audizioni, hanno richiamato le diverse problematiche e difficoltà che muovono intorno al mondo dei disabili; ringraziando il presidente e la Commissione per lo spirito di collaborazione e di partecipazione al fine di arrivare ad una proposta fortemente condivisa. Tra le proposte, anche l’istituzione di un Osservatorio apposito; quale interazione tra mondo dell’associazionismo e Ufficio del Garante».

«La Commissione ha licenziato all’unanimità – conclude la nota di Palazzo Campanella – la proposta di legge di iniziativa dei consiglieri Sergio e Bova sulle disposizioni in materia di partecipazione dei dirigenti regionali ai lavori delle commissioni consiliari; con alcuni modifiche suggerite dal direttore del dipartimento Risorse Umane e organizzazione Bruno Zito e del dirigente del settore legislativo Antonio Cortellaro».

Fonte: Corriere della Calabria


Commenta

commenti