Home / In Evidenza / Fusione, Mascaro incontra Arcivescovo Satriano

Fusione, Mascaro incontra Arcivescovo Satriano

fusioneFusione, necessario il coinvolgimento di tutti gli attori sociali. Importante in storico contesto di cambiamento il ruolo della Chiesa. Che può e deve essere di aiuto e sostegno. E’ partendo da questa premessa che il sindaco Stefano Mascaro ha incontrato questa mattina sabato 28 gennaio l’Arcivescovo Mons. Giuseppe Satriano.  Il primo cittadino si è recato in Curia, interpretandolo quale proprio dovere istituzionale, per informare direttamente e personalmente l’Arcivescovo. All’indomani dell’approvazione, nella seduta di ieri del Consiglio Regionale, della risoluzione per l’indizione del referendum consultivo. Relativo alla fusione dei comuni di Corigliano e di Rossano.

FUSIONE, MASCARO: PASSARE DAI TAVOLI ALLA GENTE

“Bisogna mettere da parte adesso ogni sfumatura – ha dichiarato Mascaro -. Per evitare di gettare ombre su un fatto ed una prospettiva storica. Che non può che rappresentare un momento di luce per questo territorio e per l’intera Calabria. L’impegno che dovrà coinvolgere tutti, adesso, è quello di passare dai tavoli alla gente. Andando quartiere per quartiere, per convincere le cittadinanze. Soprattutto quanti oggi subiscono particolari situazioni disagio. Perché l’obiettivo del comune unico può effettivamente rappresentare un contributo strategico al superamento di tante crisi ed emergenze attuali.

RISULTATO CHE AUMENTERA’ LA CENTRALITA’ DI TUTTO L’ARCO JONICO

Raccolti e fatti propri i sentimenti di soddisfazione della coalizione di maggioranza. Espressi dal coordinatore cittadino del movimento Il Coraggio di Cambiare Vincenzo Scarcello. Nonché quelli del segretario cittadino del PD Franco Madeo. E interpretando ovviamente gli analoghi sentimenti di tutti i consiglieri comunali, il Primo Cittadino ha manifestato all’Arcivescovo,  , il vivo compiacimento dell’Amministrazione Comunale. Anche a nome del Presidente del Consiglio Comunale Rosellina Madeo. Per un risultato – scandisce – che di fatto è destinato ad aumentare la centralità di tutto l’arco jonico cosentino.

 FUSIONE, TAPPA CHE PREMIA LA LUNGIMIRANZA

Da oggi al referendum inizia un grande lavoro quotidiano da parte di tutti. Nessuno sforzo dovrà essere lesinato. Tutti dovremo farci carico di andare a cercare i cittadini nelle piazze e nelle case. Per fare in modo che l’appuntamento referendario possa essere capito, nella sua portata storica, dalla maggioranza della comunità dell’area urbana. Ringrazio il collega Giuseppe Geraci, l’ex Sindaco Giuseppe Antoniotti, il segretario questore del consiglio regionale Giuseppe Graziano ed il rappresentante del comitato pro fusione Amerigo Minnicelli. E tutti quanti hanno contribuito fino ad oggi, al di là dei ruoli, per arrivare a questa ulteriore tappa. Che premia la lungimiranza di quanto è stato messo in campo in questi anni. E che ci restituisce maggiore speranza ed entusiasmo verso l’obiettivo al quale soprattutto le nuove generazioni guardano con maggiore consapevolezza e voglia di futuro.

Commenta

commenti