Home / Attualità / Fusione Corigliano-Rossano, un’occasione da cogliere al volo

Fusione Corigliano-Rossano, un’occasione da cogliere al volo

Fusione Rossano CoriglianoNonostante sulla conurbazione delle città di Rossano e Corigliano i dubbi fatichino a lasciare il posto a qualche certezza e qualche indeciso intasi i social network di discussioni sui pro e i contro spesso fini a sé stesse, è indubbio che la questione “comune unico” susciti il giusto interesse nelle popolazioni sibarite.
Non c’è giorno in cui, sulle bocche di coriglianesi e rossanesi, non abbondino i discorsi sulla fusione delle due città e quel “sì o no”, che anche “L’Eco dello Jonio” ha voluto far proprio lanciando un sondaggio sul proprio sito web (www.ecodellojonio.it), si rincorre nelle strade e lungo le coste.
Proprio a proposito di coste, qualche settimana fa abbiamo affrontato l’interessante questione della possibile unione “fisica” dei due comuni, attraverso quel piccolo fazzoletto di terra a cavallo dei due lungomare che consentirebbe ai centri jonici di stringersi in un abbraccio così forte da poter, forse, lenire le ferite aperte nel cuore della Sibaritide.
Dal numero di letture e visualizzazioni registrato dagli articoli sull’argomento, appare chiaro quanto l’interesse verso la questione sia poi un dato di fatto, che lascia poco spazio all’immaginazione e, anzi, mette in moto una riflessione che deve coinvolgere tutti, cittadini, sindaci, amministrazioni.
L’operazione “fusione” deve essere un processo graduale e programmato e, se portato avanti con lungimiranza, le cittadinanze di domani potranno godere solo di effetti positivi.

Certo, il percorso non sarà privo di ostacoli ma se si sta insistendo in questa direzione è perché non si potrebbe desiderare un futuro migliore.
L’operazione fusione, insomma, conviene a tutti e, con il tempo, donerà a quest’area un nuovo peso specifico, magari sul modello Lamezia Terme che raccoglie oggi i frutti di un processo di unificazione iniziato nel 1968 dai comuni di Sambiase, Nicastro e Sant’Eufemia e che l’ha portata ad essere una delle più grandi realtà amministrative calabresi.
Di occasioni, in questo territorio, ce ne siamo lasciate sfuggire tante. Questa, forse, potrebbe essere l’ultima da cogliere al volo.

m. f.
s. t.

Commenta

commenti

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*