Home / Breaking News / Fusione Corigliano-Rossano, Geraci: “Nessun rallentamento da Corigliano”

Fusione Corigliano-Rossano, Geraci: “Nessun rallentamento da Corigliano”

giuseppe geraciSe c’è stato, nei decenni passati e fino ai giorni nostri, un ostacolo insormontabile, non soltanto all’avvio del confronto sulla fusione delle due nostre città di cui oggi si parla ma ad ogni forma di dialogo e collaborazione utile tra le due nostre comunità ed istituzioni, questo non va certamente ricercato nella classe politica di Corigliano, interamente considerata ed a prescindere dal colore politico. Chi oggi, forse definitivamente a corto di qualsiasi altro argomento o risorsa, pensa di poter cavalcare finanche il dibattito sull’opportunità o sui presunti ritardi rispetto al progetto del comune unico dell’Area Urbana, farebbe bene a fare prima un doveroso mea culpa. Perché se vi è stato storicamente campanilismo, chiusura territoriale, presunzione di autonomia e quasi di autarchia, rifiutando come è noto dialogo e sinergie perfino nell’ambito della stessa area politica di riferimento, non è stato certamente il sottoscritto, né altri rappresentanti delle istituzioni e della politica di Corigliano. E assumendomi tutta la responsabilità di queste mie affermazioni so di poter tranquillamente riconoscere che quanto appena detto è cosa notoria e pacifica nella stessa opinione pubblica rossanese, di centro destra e di sinistra. Certi neo paladini della fusione e certi fustigatori del presunto immobilismo di Corigliano hanno tanti di quegli scheletri nell’armadio di un municipalismo eretto a vessillo del proprio buon governo che oggi farebbero figura sicuramente più sobria se si limitassero a stare nel coro, senza fughe in avanti o protagonismi su questioni e temi a loro caratterialmente estranei.
È quanto dichiara il Sindaco di Corigliano Giuseppe GERACI, ritornando su quelle che egli definiscepieghe inaccettabili, strumentali e mediocri del confronto politico sulla grande e straordinaria opportunità storica della fusione tra Corigliano e Rossano.
Le due amministrazioni comunali – continua il Primo Cittadino – erano e sono entrambe pronte a dar seguito al procedimento amministrativo che prevede l’approvazione della delibera di indirizzo da inviare alla Regione per dare poi la parola ai cittadini delle due comunità. Entro il prossimo Natale si possono tenere i due consigli comunali ad hoc. Non vi è, da parte di nessuna delle due​ amministrazioni​, alcun ritardo, né alcuna misteriosa forza contraria a questo che riteniamo unprocesso inarrestabile e positivo da tutti i punti di vista. Stupisce soltanto constatare – va avanti – che ci si continui a meravigliare di quella che è stata una normale esigenza posta e motivata dal nostro Esecutivo: quella cioè di intensificare, parallelamente all’iter burocratico, le iniziative di carattere culturale per consolidare dal basso le ragioni reali e spirituali di una autentica conurbazione tra le due città e le due comunità. Lo abbiamo sostenuto in tempi non sospetti: è rischioso motivare l’opportunità della fusione, così come continua a fare qualcuno, solo attraverso ragioni di ordine ed utilità economica.
Così come è ancor più rischioso far passare questo progetto soltanto come una scelta verticistica, calata dall’alto, seppur sollecitata da associazioni e movimenti. Serve ​suscitare ​ed accompagnare​– prosegue il Sindaco – un più largo e diffuso dibattito ed un’adesione popolare a questa sfida storica, coinvolgendo di più e meglio ad esempio il mondo della scuola. Abbiamo condiviso questa esigenza con il nuovo Vescovo di Rossano-Cariati Mons. Giuseppe SATRIANO, ricevuto in Comune ed incontrato successivamente anche presso la sede della Diocesi a Rossano. La stessa esigenza, quella di cementificare una vera fusione culturale tre le due popolazioni attraverso iniziative di dialogo, Mons. SATRIANO ha ribadito in occasione del recente incontro avuto con gli amministratori di Rossano. Vi è, quindi, un sentire comune su questo vuoto culturale da colmare e che richiede sforzi e tempi sicuramente diversi da quelli prescritti per l’approvazione di una delibera che avvi​i​un procedimento formale al quale servirà poi la sostanza del sostegno referendario.

La nostra preoccupazione, quella del Comune di Corigliano, del Vescovo SATRIANO e, ci pare, anche del Comune di Rossano, resta – conclude GERACI – quella di evitare di trovarci con una scatola formale vuota, senza la forza del convinto sostegno popolare che dovrebbe invece essere la molla originaria dell’intero percorso. Nessuno di noi teme la fusione né rema contro. E ne siamo talmente convinti che non riteniamo sufficiente sventolare la sola bandiera di fondi e finanziamenti più facilmente intercettabili insieme per poter fare davvero di due comuni, con storie importanti e diverse, uno unico. Serve qualcosa in più e su questa esigenza reale non abbiamo alcuna remora a continuare a confrontarci, proprio per non vanificare un progetto nel quale crediamo – chiosa il Sindaco di Corigliano – forse più di altri.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*