Home / Breaking News / Fusione, Campolo: “Uniti e compatti per un NO a difesa della città”

Fusione, Campolo: “Uniti e compatti per un NO a difesa della città”

fusioneAll’indomani dell’incontro tenutosi a Corigliano fra i rappresentanti locali di Forza Italia e i componenti del movimento civico Liberi Ausoni, Gioacchino Campolo che ha coordinato la riunione ne riassume i punti strategici. Sottolineando come questa abbia avuto ad oggetto l’argomento al centro del dibattito politico-istituzionale degli ultimi mesi; ossia l’ipotesi di fusione fra i viciniori comuni di Corigliano Calabro e Rossano. Nonché l’annesso referendum indetto dalla Regione Calabria per il prossimo 22 ottobre. “Si è preso anzitutto atto della rinnovata voglia di partecipazione emersa sull’intero territorio comunale negli ultimi tempi. Piace constatare, infatti, come numerosi cittadini, anche se non collocati in partiti e movimenti politici, hanno deciso di dire la loro e mobilitarsi – dichiara Campolo – di fronte ad un progetto destinato a cambiare le sorti della città nella quale si è nati, si vive, si lavora.

Inoltre, dato ancor più confortante, la presenza attiva di tanti giovani, molti dei quali studenti delle scuole superiori e universitari, che con dinamismo e laboriosità hanno deciso di rimboccarsi le maniche per capire, confrontarsi, dare risposte a quesiti legittimi. Ebbene, tutto questo è da salutare con soddisfazione e, ci sia consentito, anche con un pizzico di orgoglio, poiché emerge ormai chiaramente, da più parti, la condivisione di quella che è stata, sin dagli albori della vicenda, la posizione unica e ufficiale assunta dai rappresentanti locali di Forza Italia e dai componenti del movimento civico Liberi Ausoni”.

FUSIONE, CAMPOLO: LA SITUAZIONE E’ ANDATA DECISAMENTE A PEGGIORARE

“Come non ricordare – prosegue Campolo – il voto contrario espresso dallo scrivente, in sede di Consiglio Comunale due anni or sono, in merito al cosiddetto “atto d’impulso” proposto e poi approvato dalla maggioranza che sostiene l’Amministrazione Comunale, con ampi consensi fra le fila della minoranza? La posizione di Forza Italia nel civico consesso è stata ferma e decisa fin da subito. Senza tentennamenti, alla luce delle tante ombre, in termini di programmi e prospettive; e dal mancato dibattito sulla questione fusione. Elementi che già allora spiccavano in tutta la loro gravità. E allora oggi questa battaglia, in tempi non sospetti condotta quasi in perfetta solitudine e frattanto divenuta patrimonio di così tanti cittadini e forze politiche fra loro opposte ma per l’occasione idealmente unite da una corale idea di sviluppo del territorio che una fusione a freddo invece certamente avversa, dimostra di averci visto giusto.

Da quell’atto votato in Consiglio comunale con il nostro diniego, difatti, nulla è cambiato; come più volte ribadito nelle sedi istituzionali proposte e sugli organi di stampa. Anzi la situazione è andata decisamente a peggiorare. Facendo cadere nel vuoto anche il recente appello mosso pubblicamente dallo scrivente all’Amministrazione comunale. Ossia fare un passo indietro nell’interesse generale, una volta constatata l’assenza di condizioni nel proseguire imperterriti in un progetto privo di contenuti e dai tanti dubbi. Basti pensare che le due Amministrazioni, a distanza di due anni, si sono incontrate soltanto lo scorso 18 agosto. E la ‘riunione’ si è conclusa quasi a carte bollate!”.

IL NO BATTE FORTE NEL CUORE DEI CITTADINI CORIGLIANESI

“Forza Italia e Liberi Ausoni, in questa decisiva fase che ci separa dal referendum del 22 ottobre, intendono essere ancora più protagonisti. Componenti operose di un NO che batte forte nel cuore dei cittadini di Corigliano. E merita, pertanto, un unanime sforzo, un impegno comune di quanti tengono al futuro del luogo nel quale affondano le proprie radici. Il sentimento d’appartenenza che alberga nella maggior parte di noi è il capisaldo sul quale si basa la campagna di mobilitazione. Che ci vedrà presenti sul territorio, mediante la partecipazione ad iniziative organizzate da gruppi e comitati per il NO. Nonché promosse direttamente da Forza Italia e Liberi Ausoni.

Sarà questo il nostro modo di difendere, senza sterili campanilismi ma animati solo da buonsenso, la comunità di Corigliano Calabro, la sua storia, il suo futuro. Una battaglia civile ma condotta con determinazione. Per la quale chiediamo a tutti, indistintamente, di unirsi a noi”.

Commenta

commenti