Home / Breaking News / Fusione, l’amministrazione comunale chiede il ripristino delle regole

Fusione, l’amministrazione comunale chiede il ripristino delle regole

fusioneIn seguito  alla tante polemiche pretestuose contro il Sindaco della Città, Giuseppe Geraci, l’Amministrazione Comunale sente il dovere di precisare che il processo di fusione con la vicina Rossano rimane senz’altro una possibilità di crescita e di sviluppo per tutto il territorio ed un’occasione di rilancio economico ed istituzionale per le due Città. Ritiene altresì doveroso precisare che all’atto di impulso adottato nel febbraio 2016 dal Consiglio Comunale di Corigliano C. ha fatto seguito uno stravolgimento delle regole da parte del Consiglio Regionale, con l’eliminazione del quorum e l’inserimento della maggioranza complessiva.

Quello che è successo con il caso dei Casali del Manco, in cui non si è tenuto conto della volontà maggioritaria del comune di Spezzano Piccolo, innescando una serie infinita di ricorsi, fa ritenere all’Amministrazione che sarebbe opportuno chiarire in modo certo le regole, prima del referendum, in modo da salvaguardare la volontà degli elettori dei singoli comuni chiamati al voto. Affermare tutto ciò significa volere un percorso di fusione non impugnabile, certo e cristallino, al di là di quello che dicono quanti hanno interesse a distorcere la realtà. Affermare tutto ciò significa voler garantire la libera e democratica espressione dei cittadini e non, come falsamente sostenuto, rifiutare o mettere in discussione la fusione.

FUSIONE, GIUSTIFICATA L’ASSENZA DEL SINDACO ALLE VARIE INIZIATIVE SUL TEMA DELLA FUSIONE

L’Amministrazione rigetta ogni forma di pressione esplicita ed occulta che tende a soffocare la voce della legalità e della democrazia anche con forme di terrorismo psicologico. Quanto al ricorso presentato da alcuni cittadini sarà il TAR ad esprimersi circa la giustezza o meno delle motivazioni espresse. Nello stesso tempo auspichiamo  che le motivazioni  contenute nel disegno di legge proposto dai consiglieri regionali Sergio Greco vengano riconosciute valide  e siano accolte ai fini del ripristino  delle regole esistenti al momento dell’approvazione della delibera di impulso. Nell’attesa che ciò avvenga e alla luce dei recenti attacchi offensivi e  gratuiti contro il Sindaco Geraci, appare del tutto giustificata la non partecipazione del Sindaco alle varie iniziative che sul tema della fusione verranno organizzate da associazioni e comitati vari.

Commenta

commenti