Home / Breaking News / Furto aggravato all’ex Istituto tecnico femminile di Rossano, assolti

Furto aggravato all’ex Istituto tecnico femminile di Rossano, assolti

furto aggravato

L’avvocato Francesco Nicoletti

Un pluripregiudicato e un sessantaduenne rossanesi sono stati assolti dall’accusa di furto aggravato nei locali dell’ex Istituto Tecnico Femminile di Rossano. Il Tribunale di Castrovillari ha accolto in toto le richieste avanzate dall’avvocato Francesco Nicoletti.

FURTO AGGRAVATO, I FATTI

Era stata una telefonata anonima ai Carabinieri di Rossano, nel maggio 2013, a segnalare la presenza di alcune persone all’interno dell’Istituto Tecnico Aziendale Femminile; dal quale provenivano forti rumori. Mentre una pattuglia si accingeva a raggiungere l’edificio, la Centrale operativa riceveva una seconda telefonata anonima; con cui si comunicava che i malfattori stavano fuggendo trasportando del materiale a bordo di un’autovettura della quale si fornivano modello e numero di targa. La vettura è stata poi intercettata e fermata poco dopo dai carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Rossano lungo la SP 250, ex SS 177.

A bordo dell’auto sono stati identificati gli imputati e, all’esito di una accurata perquisizione personale e veicolare, i militari hanno rinvenuto il materiale risultato essere la refurtiva; nonché un attrezzo atto allo scasso. In quella circostanza è stato anche effettuato un sopralluogo all’interno dell’Istituto Tecnico Femminile Aziendale. Dove si è rilevata la rottura della catena del lucchetto all’ingresso e l’ammanco del materiale. Da qui l’arresto dei due, poi convalidato dal Giudice del processo per direttissima che ha applicato a L.A. la misura cautelare degli arresti domiciliari e allo Scigliano l’obbligo di presentazione alla P.G.

IL PROCESSO

All’esito dell’istruttoria dibattimentale il Pubblico Ministero ha formulato richiesta di condanna degli imputati alla pena di anni 1 e mesi 4 di reclusione nel mentre l’avvocato difensore Francesco Nicoletti, all’esito di una lunga ed articolata discussione, ha concluso chiedendo l’assoluzione per i propri assistiti. Richiesta, quest’ultima, che il Tribunale di Castrovillari ha accolto in toto emettendo una sentenza assolutoria per entrambi.

Commenta

commenti