Home / Attualità / Frecciargento Sibari-Roma, Bruno Bossio: «Abbiamo la fermata a Torano!»

Frecciargento Sibari-Roma, Bruno Bossio: «Abbiamo la fermata a Torano!»

La deputata esulta: «A giorni lo scalo sarà attivo». Ma per la dem la vera sfida è costruire la stazione di Settimo di Montalto Uffugo

bevacqua

Il Frecciargento Sibari-Roma ha una nuova fermata, quella di Torano-Lattarico, a servizio dell’area di Cosenza. A dare il lieto annuncio è la deputata del Partito Democratico, Enza Bruno Bossio. «Da quanto apprendiamo – scrive la parlamentare democrat – dai vertici di Ferrovie dello Stato, la fermata del Frecciargento Sibari-Bolzano alla stazione di Torano-Lattarico sarà attiva fra qualche giorno, realizzando così uno scalo importante per una consistente platea di passeggeri e rispondendo a una precisa sollecitazione dei sindaci del comprensorio, del presidente della provincia e del leader del movimento “Diritti civili” Franco Corbelli”».

Quindi, una nuova fermata per il treno veloce che comunque – così come confermato dalla stessa FS – non varierà il tempo di percorrenza sulla lunga tratta che porta il convoglio fino a Bolzano.

Intanto, si incassa un nuovo risultato che è stato raggiunto, come ha precisato la Bruno Bossio, grazie anche «alla disponibilità dichiarata dalla presidente della Regione, Iole Santelli».

«Si tratta di un primo obiettivo raggiunto – precisa ancora la deputata dem – del quale ringrazio Trenitalia e tutte le istituzioni impegnate per questo risultato, ma occorre ancora mantenere alta l’attenzione e l’impegno: è opportuno, a questo punto, che si pervenga – prosegue – ad una intesa organica tra Regione, Rete ferroviaria italiana e Ministero dei trasporti che consenta in primis il mantenimento del Fracciargento oltre il termine contrattuale di settembre e la realizzazione del nodo ferroviario strategico a Settimo di Montalto Uffugo. In questo modo ne gioverebbe il sistema logistico e di collegamento lungo l’asse ferroviario Tirreno-Jonio e andrebbe a compimento una strategia complessiva di investimenti, intrapresa dalla Regione già dai tempi della presidenza di Mario Oliverio, che per primo finanziò in via sperimentale il collegamento Sibari-Bolzano. La mole di passeggeri dimostra il valore del servizio reso e spinge tutti gli attori istituzionali a irrobustire con ulteriori investimenti il piano infrastrutturale per la Calabria».


Commenta

commenti