Home / Attualità / Frecciargento Sibari-Bolzano, la Bruno Bossio: «Basta con le strumentalizzazioni»

Frecciargento Sibari-Bolzano, la Bruno Bossio: «Basta con le strumentalizzazioni»

La deputata: «C’è un contratto in essere. Il servizio avrà termine a fine dicembre 2020. Poi spetterà alla Regione valutare la proroga»


«Al fine di porre fine a strumentalizzazioni e a distorsioni della realtà, è bene fare chiarezza sul destino del Frecciargento Sibari-Bolzano, al centro negli ultimi giorni di dichiarazioni di esponenti politici calabresi che rischiano di ingenerare preoccupazione e inutile confusione nella vasta utenza del treno ad alta velocità».

Ad affermarlo è la parlamentare Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: «In base al contratto stipulato dalla Regione Calabria, il servizio avrà termine a fine dicembre 2020 (inizialmente il termine era settembre, poi prorogato a causa dell’emergenza sanitaria). Toccherà poi alla Regione e a tutti i soggetti istituzionali coinvolti attivare le necessarie procedure a evidenza pubblica per mantenere in vita questo importante e fondamentale collegamento su ferro».

«A partire dal 20 settembre, invece, e fino al 10 ottobre a causa di lavori già programmati da Rete Ferroviaria Italiana nello snodo di Afragola, tutti i treni e le frecce, non solo, dunque, il Freccia Sibari-Bolzano, transiteranno temporaneamente dalla stazione di Napoli centrale. Di conseguenza, ciò comporterà un maggior tempo di percorrenza da e verso Sud. Questa la verità dei fatti – spiega la deputata – che avrebbe potuto riscontrare facilmente anche il capogruppo regionale del Pd attraverso un rapido contatto con i parlamentari del territorio, prima di avventurarsi in note stampa utili solo a creare allarme fra i tanti viaggiatori che usufruiscono del treno ad alta velocità. Alla Regione, invece, spetta il compito di fare in modo che – prima che scada il contratto – il collegamento veloce possa sopravvivere e proseguire così un servizio molto utilizzato e nato per soddisfare una precisa domanda di mobilità di un’ampia fascia del territorio calabrese».


Commenta

commenti