Home / Attualità / Frecciargento a Torano castello, fervono i preparativi per la prima fermata

Frecciargento a Torano castello, fervono i preparativi per la prima fermata

Stamattina nella cittadina della Valle del Crati si è svolta un’assemblea territoriale alla presenza dei sindaci e dei deputati Bruno Bossio e Melicchio

Si è svolta stamani  Torano castello, nella sala del consiglio comunale, l’assemblea territoriale degli amministratori locali, con la partecipazione dei deputati Enza Bruno Bossio, Alessandro Melicchio e del consigliere regionale Giuseppe Aieta, per esaminare lo stato dell’arte della vicenda relativa alla istituzione della fermata del treno Sibari – Bolzano nella stazione di Torano Castello.

Folta e numerosa la presenza dei sindaci convenuti dai diversi comuni della provincia di Cosenza.

Organizzatori della iniziativa sono stati il primo cittadino di Torano Castello, Lucio Franco Raimondo, insieme al leader del movimento diritti civili, Franco Corbelli.

È stato evidenziato che la fermata della Frecciargento a Torano Castello simboleggia l’avvio di una nuova programmazione per un raccordo tra la dorsale tirrenica e quella ionica con l’area della valle del Crati destinata a diventare snodo fondamentale per i nuovi collegamenti tra la Calabria e il resto del Paese.

Nella riunione è stato sottolineato che il raggiungimento dell’obiettivo di istituire la fermata, a partire dal prossimo 17 Luglio, è stato possibile in virtù di una forte unità di intenti tra le amministrazioni locali e grazie all’impegno congiunto prima di Mario Oliverio e oggi di Jole Santelli. Nel dibattito è stato dato, inoltre, ampio riconoscimento al sostegno attivo espresso dalla rappresentanza parlamentare presente.

La riunione ha convenuto sulla necessità che questo ampio fronte di mobilitazione possa continuare a manifestare il proprio impegno, intanto per il mantenimento permanente della attuale linea ferroviaria Sibari – Bolzano e, contestualmente, per la rapida realizzazione della nuova stazione di Settimo di Montalto.

L’auspicio è che tali parziali obiettivi vengano perseguiti in coerenza con la consegna della definitiva progettazione, per la quale sono stati già destinati 40 milioni di euro, della linea di Alta Velocità che si estende fino a Reggio Calabria.

Dovrà essere questa una opera da realizzare ormai in tempi rapidi e non biblici che dovrà oltretutto, per l’attraversamento della Calabria del nord, prevedere un nuovo, moderno e più veloce tracciato ferroviario.

L’assemblea ha, infine, deciso di indire e organizzare per la serata del 17 luglio, in occasione della prima fermata del treno proveniente da Bolzano una manifestazione popolare, con la presenza delle rappresentanze istituzionali locali, regionali e nazionali, per celebrare la inaugurazione del nuovo servizio.


Commenta

commenti