Home / Attualità / Forze dell’ordine Corigliano Rossano, incontro tra Stasi e il Prefetto Galeone

Forze dell’ordine Corigliano Rossano, incontro tra Stasi e il Prefetto Galeone

“Necessaria riorganizzazione dell’intero sistema di forze dell’ordine attualmente presente sul territorio”

corigliano rossanoRiunione del comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica convocato dal Prefetto di Cosenza Paola Galeone svoltosi a Cosenza alla presenza del Sindaco di Corigliano Rossano Flavio Stasi e di tutti vertici delle forze dell’ordine. Fra gli argomenti affrontati nel corso della riunione l’elevazione del Commissariato di Polizia di Stato di Rossano con la presenza di un primo dirigente. La costituzione di un gruppo per l’Arma dei Carabinieri. La riorganizzazione e il rafforzamento della Guardia di Finanza. L’elevazione della Caserma dei Vigili del Fuoco con due squadre: in aggiunta a quella con sede a Rossano un’altra fissa ubicata nell’area portuale a Schiavonea; dove è già presente attualmente una unità boschiva. Un protocollo per estendere e rafforzare il sistema di video sorveglianza sull’intero territorio.

A darne notizia è lo stesso Primo Cittadino; che esprime soddisfazione per il positivo clima di attenzione e di ascolto istituzionale rispetto all’esigenza di una riorganizzazione dell’intero sistema di forze dell’ordine attualmente presente sul territorio. L’obiettivo è adeguare necessariamente la presenza complessiva dello Stato rispetto alla nuova, grande, popolata ed estesa realtà urbana di Corigliano-Rossano.

NECESSITA’ OGGETTIVA DI ADEGUARE E RAFFORZARE LA PRESENZA DELLO STATO NELLA TERZA CITTA’ DELLA CALABRIA

La partecipazione odierna del Sindaco al comitato provinciale ordine pubblico e sicurezza fa seguito al proficuo incontro di saluto istituzionale con tutti i rappresentanti delle forze dell’ordine svoltosi nelle scorse settimane in Città. In esso Stasi aveva sottolineato l’importanza dell’impegno sinergico garantito da tutti rispetto all’emersa necessità oggettiva di adeguare e rafforzare la presenza dello Stato in termini di gestione del territorio nella terza città della Calabria.


Commenta

commenti