Home / Attualità / Fnp-Cisl: Margherita Carignola, disappunto contro riforma reato stalking

Fnp-Cisl: Margherita Carignola, disappunto contro riforma reato stalking

Margherita Carignola – Fnp-Cisl donne Calabria

Anche il coordinamento regionale donne di Fnp-Cisl Calabria, attraverso la sua coordinatrice Margherita Carignola, dice no alla depenalizzazione del reato di stalking. Il 3 agosto, infatti, entreranno in vigore le assurde modifiche apportate al Codice di procedura penale in tema di stalking. Una riforma che umilia le donne e anni e anni di lotta in favore di queste ultime contro le violenze subitre da uomini senza scrupoli. Basterà, infatti, secondo quanto prevede l’articolo 162 ter del riformato Codice, un congruo risarcimento per poter estinguere varie ipotesi di stalking. Il tutto a discrezionalità del giudice di turno, senza peraltro neppure consultare la vittima. Una riforma assurda. Che penalizza oltremodo le donne e le loro intelligenze.

FNP DONNE CALABRIA AUSPICA UNA MARCIA INDIETRO DEL PARLAMENTO

Per il rispetto nei confronti delle donne, non solo con le parole, ma soprattutto con i fatti, c’è bisogno di un urgente dietro front del Parlamento. La coordinatrice regionale donne di Fnp-Cisl Margherita Carignola, esprime tutta la sua indignazione riguardo a un provvedimento che sa di beffa, oltre che di grave mancanza di rispetto per tutte le donne. “E’ un provvedimento inaccetabile, che occorre subito fermare. Non è possibile parlare sempre in favore delle donne e poi, nei momenti decisivi, andare sempre contro le loro reali esigenze e aspettative. Questo provvedimento umilia e offende le donne. Ci aspettiamo, pertanto – prosegue Margherita Carignola – una forte presa di posizione delle Istituzioni e ditutte le donne che siedono in Parlamento. Questo provvedimento è inaccttabile. E va modificato”.

 

Commenta

commenti