Home / Attualità / Femminicidio, le autorità a Corigliano per ricordare Fabiana

Femminicidio, le autorità a Corigliano per ricordare Fabiana

femminicidioAutorità, famiglie, associazioni e mondo della scuola si sono raccolte a Corigliano in un momento di riflessione realizzato a margine dell’anniversario della scomparsa di Fabiana Luzzi. Un evento tenutosi ieri, giovedì 24, dal quale sono scaturiti appelli e auspici sul femminicidio; di cui la giovane Fabiana è stata una delle vittime. La cultura come antidoto ad ogni retaggio e ad ogni forma di violenza verso le donne e di genere; l’educazione al rispetto, alla dignità e alla libertà come percorso da condividere; la rete per prevenire l’isolamento, riconoscere ed individuare segnali di disagio; il sostegno e l’ascolto per incoraggiare la denuncia, autentico atto di responsabilità verso se stessi e verso gli altri; maggiore tutela per le vittime. E’ stato inoltre firmato il protocollo d’intesa tra associazioni, Comune e CGIL per la nascita di uno sportello territoriale antiviolenza. 

La manifestazione ha riunito i partecipanti prima in contrada Chiubica, nelle campagne di Corigliano, per la deposizione simbolica dei fiori sul luogo del ritrovamento della giovane coriglianese (25 maggio 2013), dove è stato eretto un monumento in sua memoria; e, successivamente, al Castello ducale, nel centro storico, per l’incontro sul tema Prevenzione e contrasto del femminicidio.

FEMMINICIDIO, ISTITUZIONI E AUTORITA’ PRESENTI

L’evento è stato patrocinato dalla Camera dei deputati, dalla Regione Calabria, dalla Provincia di Cosenza e dal Comune di Corigliano. Sono intervenuti il Prefetto Gianfranco Tomao,  il Questore di Cosenza Giancarlo Conticchio; e ancora il Commissario Prefettizio e prefetto Domenico Bagnato , la sub commissario e vice prefetto di Cosenza Emanuela Greco; inoltre la senatrice Rosa Silvana Abate, i deputati Francesco Sapia, Elisa Scutellà ed Enza Bruno Bossio; nonché rappresentanti della Polizia, della Polizia municipale, della Capitaneria di Porto, della Croce rossa, docenti e studenti dell’ITC Palma e del Liceo Scientifico, tra le altre, l’Unitalsi, insieme a Mondiversi, al Centro Antiviolenza FabianaWhite Castle, Mondidonna, promotori dell’appuntamento. Gli interventi sono stati intramezzati dalle perfomance musicali degli allievi dell’Istituto musicale Chopin.

Commenta

commenti