Home / Breaking News / FdI Corigliano: “Preoccupati dell’attuale condizione di sicurezza pubblica”

FdI Corigliano: “Preoccupati dell’attuale condizione di sicurezza pubblica”

fratelli-d'italia-logoCon il presente comunicato stampa Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale Corigliano Calabro manifesta tutta la sua preoccupazione circa gli ultimi avvenimenti delinquenziali di cui i cittadini coriglianesi, loro malgrado, sono stati involontari protagonisti. Le gravi situazioni di illegalità e di pericolo per la sicurezza e l’incolumità pubblica avvenuti nella scorsa settimana a Corigliano, sono purtroppo un pericoloso monito che non può non essere ascoltato e posto immediatamente al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica. Nella scorsa settimana, infatti, oltre al grave gesto intimidatorio subito dal Vice Sindaco Avv. Franco Oranges, sono avvenuti, nei confronti di alcuni cittadini, altri atti violenti come quelli di Schiavonea – ampiamente ripresi dai media locali – o le ripetute aggressioni notturne subite nei pressi di alcuni incroci stradali da donne sole alla guida. A questi sconcertanti e gravissimi casi di pericolo, vanno a sommarsi i tanti furti perpetrati alle abitazioni e alle attività commerciali cittadine che altri effetti non hanno se non quello di instaurare un clima di sconforto generale ed animare, nei coriglianesi stessi, sentimenti di vendetta che potrebbero, purtroppo, sfociare in azioni da “regolamento dei conti o giustizia sommaria”. Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale – fortemente preoccupata dell’attuale condizione di sicurezza pubblica della Città – chiede al Sindaco Dott. G. Geraci in sintonia con il Prefetto della Provincia di Cosenza Dott. Gianfranco Tomao, la convocazione urgente di un Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica per ripristinare immediatamente, con misure e provvedimenti che si riterranno opportuni, la legalità e la sicurezza pubblica. Fratelli d’Italia Corigliano Calabro

FdI Corigliano

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*