Home / Attualità / Estate: a S.Angelo e Schiavonea tavolini senza tasse e burocrazia. Perché no?

Estate: a S.Angelo e Schiavonea tavolini senza tasse e burocrazia. Perché no?

Per andare incontro alle richiesta dei commercianti che vivono di ristorazione arriva una nuova e rivoluzionaria idea direttamente dalla Lituania

di Josef Platarota

Riempire i lungomare di Sant’Angelo e Schiavonea con tavolini senza tasse e senza burocrazia. Non è una follia o una scelta turboliberista, ma bensì una possibilità per andare incontro alle istanze di chi si trova con l’acqua alla gola e non ha possibilità di adeguarsi alle norme sanitarie.

Ci sono tanti – se non troppi – luoghi inutilizzati delle due località marine coriglianorossanesi che possono essere totalmente reinventate. Si tratterebbe di una rivoluzione che conosce già un esempio pratico con il “modello-Vilnius”, capitale delle Lituania trasformatasi in città salotto per consentire di fare fuori quello che è pericoloso fare dentro.

Tutto questo è già realtà in alcune aree dell’Italia tra cui Milano. La Giunta capitanata da Beppe Sala, infatti, ha appena approvato delle misure che potranno disegnare un nuova città, migliorando lo spazio pubblico ed offrendo servizi ai cittadini. Con un accordo tra commercianti si potranno togliere posti auto e realizzare piccole aree pedonali in aree verdi con sedie e tavolini. Detto ciò, che si voglia restare nella terra ferma o fluttuare nel mondo delle idee, ci sono commercianti che aspettano delle soluzioni. È giunto il tempo di trovarle.


Commenta

commenti