Home / Breaking News / Esecutivo Mascaro: il CCI fuori dalla maggioranza

Esecutivo Mascaro: il CCI fuori dalla maggioranza

Esecutivo Mascaro,CCI:Garantiremo appoggio esterno

esecutivo mascaroEsecutivo Mascaro. A distanza di pochi giorni, il consigliere regionale Giuseppe Graziano, leader del movimento Il Coraggio di Cambiare l’Italia, aveva dichiarato  il pieno sostegno al Sindaco e all’esecutivo, quale forza dominante di maggioranza, anche se il consigliere Graziano sosteneva che è necessario un cambiamento di marcia. Quindi una rimodulazione della stessa giunta, visto il peso politico del CCI in consiglio comunale. In queste ore, con decisione corale e unanime scaturita da un incontro interno, il coordinamento civico de Il Coraggio di Cambiare l’Italia, ha deciso di uscire fuori dalla maggioranza di governo e di far rimettere le deleghe dell’assessore Giovanni De Simone, in mano al Primo cittadino. Al coordinamento civico  hanno preso parte il coordinatore cittadino e Consigliere comunale, Vincenzo Scarcello, il Presidente del Consiglio comunale Rosellina Madeo, il Capogruppo consiliare Pierpaolo Librandi, i consiglieri Piero Lucisano, Antonietta Caputo, Carlo Alberto Falco, Giuseppe Falco, Nunzio Farfalla, Giuseppina Liberata Primerano, e l’Assessore all’Ambiente e vice coordinatore civico del CCI, Giovanni De Simone. La nota continua sottolineando che “l’Azione amministrativa comunale non può non indurre ad un’attenta valutazione e ad un inevitabile confronto all’interno della Maggioranza. Innanzitutto per riportare la barra dell’auspicabile azione di Governo su una rotta ben precisa, indirizzata a garantire i diritti dei cittadini e a tutelare gli interessi della nostra comunità. Purtroppo, nonostante i ripetuti inviti e appelli rivolti al Sindaco Mascaro, crediamo che il lavoro dell’Esecutivo coordinato dal Primo cittadino non sia in linea con l’attuazione del Programma elettorale e stia venendo meno quel Patto per la Città che, uniti e nella prerogativa di una politica nuova e mirata al cambiamento, ci ha visti diventare fiduciari delle speranze dei rossanesi. Pertanto, ritenendo doveroso tener fede ai principi ed ai doveri della coalizione verso la cittadinanza e pur rimanendo leali al mandato elettorale del Sindaco, ci poniamo al di fuori della Maggioranza garantendo all’Esecutivo il nostro appoggio esterno”.

LE MOTIVAZIONI 

“Si tratta di una decisione sofferta ma convinta, perché spinta dal grande senso di responsabilità e lealtà nei confronti dei cittadini che ci hanno demandato il compito di amministrare Rossano, forti di un progetto politico riformista, di rinnovamento e cambiamento. Certo, non nascondiamo il nostra sconforto nel dover ricorrere a questo atto, sofferto ma lucido, spinto esclusivamente dalla volontà di sollecitare, con veemenza, l’avvio di un’attività amministrativa che, da più parti e tranne alcune eccezioni, sembra non voler uscire da una incomprensibile stasi. Sia chiaro – e lo ribadiamo con forza – non vogliamo aprire una Crisi di Governo, i cui effetti nefasti sappiamo tutti potrebbero compromettere la vita della comunità rossanese, ma abbiamo necessità di avviare una fase di valutazione esterna dell’attività politica dell’Esecutivo comunale e dell’attuazione del programma elettorale, il quale, ricordiamo, rappresenta il perno centrale della scelta del voto. Rimaniamo fermi nella convinzione che, ad oggi, le scelte adottate dal Sindaco non rispecchiano gli impegni elettorali di rinnovamento. Anzi, in modo del tutto paradossale, virano su correnti opposte a questo principio.

 Pertanto alla luce delle nostre determinazioni, rinnoviamo l’invito al Sindaco ad avviare appieno l’attività amministrativa nel solco della coerenza del mandato elettorale. Rimaniamo in attesa di un sussulto politico e di coscienza da parte del Primo cittadino e ci impegniamo a rivedere la nostra posizione e a riproporre il nostro sostegno, da forza di Maggioranza predominante, qualora si dovesse attuare quell’auspicata inversione a U nell’azione di governo della Città”.

 

Commenti
Inline
Inline