Home / Attualità / Ernesto Rapani correrà alla Regione. L’ufficialità è arrivata oggi ad un evento di Fratelli d’Italia

Ernesto Rapani correrà alla Regione. L’ufficialità è arrivata oggi ad un evento di Fratelli d’Italia

DI JOSEF PLATAROTA

Ernesto Rapani correrà per un posto in Consiglio Regionale. L’ufficialità è arrivata, dallo stesso esponente di Fratelli d’Italia, questo pomeriggio a margine dell’evento “Sanità: Calabria e Lombardia, due realtà a confronto”. La notizia era già nell’aria da parecchio tempo e si va così a colmare una casella in quella che sarà la scacchiera che il 26 gennaio sarà protagonista per il futuro della Regione Calabria. Tornando all’evento che si è svolto presso l’Auditorium “Alessandro Amarelli”, area urbana Rossano, presenti al tavolo dei lavori, insieme a Rapani, anche Rodolfo Alfieri dell’MSN, il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia Luigi Lirangi, il direttore sanitario del S. Pancrazio di Brescia Gianfranco Acri, il consulente dell’Azienda Ospedaliera Giacomo Caristi e l’onorevole Wanda Ferro.

Un processo culturale che porti ad un cambio di rotta radicale e la forte critica nei confronti del decreto Calabria, questi i temi trattati di fronte ad una folta platea. Ernesto Rapani, dopo aver annunciato la sua discesa in campo per un posto a Palazzo Campanella, ha invitato la popolazione per la manifestazione di fronte al “Giannatasio” di Rossano per gli avvenimenti degli ultimi giorni. Non è mancata una leggera stoccata al Sindaco di Corigliano-Rossano Flavio Stasi: “Stacchi il cellulare e si presenti con la fascia dentro l’Ospedale e si faccia rispettare”. Tornando alla sua candidatura, a margine dell’evento, è arrivo il beneplacito della Parlamentare Wanda Ferro: “Puntiamo su Ernesto Rapani e la sua candidatura è stata fortemente voluta dal partito. Su questi grandi temi, non solo sulla sanità, c’è sempre stato e ne ha fatto una battaglia quotidiana. Noi confidiamo nel buonsenso di tutti gli elettori perché in Consiglio Regionale troveremo tanti problemi e abbiamo bisogno di persone come Ernesto per lavorare duramente per la nostra terra”.


Commenta

commenti