Home / Attualità / Enel, lavoratore s’incatena davanti alla centrale. Da anni in azienda poi nell’indotto, ora senza rinnovo contratto

Enel, lavoratore s’incatena davanti alla centrale. Da anni in azienda poi nell’indotto, ora senza rinnovo contratto

CORIGLIANO ROSSANO, ENEL Una storia comune a tante altre quella del lavoratore Giuseppe Aprigliano, da oltre 30 anni in centrale e al suo ingresso in catene da ieri. Entra nell’indotto in una ditta, poi in mensa anch’essa ormai smantellata. E da ultimo senza il rinnovo contrattuale da parte di una delle poche aziende rimaste nel settore delle pulizie industriali. Aprigliano, sposato, padre di due figli,  si vede cancellato il diritto al lavoro, quello su cui si basa il fondamento della Repubblica Italiana.  Sul posto si è recato Andrea Ferrone, segretario confederale del comprensorio Cgil, che da settimane segue la vertenza, senza esiti positivi da parte della’azienda. La protesta di Aprigliano continuerà fino a che qualcuno non gli verranno date le giuste risposte e gli verrà riconosciuto il suo diritto. Con lui a sostegno e in segno di solidarietà gli altri lavoratori di quel che resta dell’indotto. Da quel che emerge, inoltre, la stessa ditta, tra l’altro, avrebbe rinnovato il contratto ad altri colleghi nella stessa posizione di Aprigliano.

Commenta

commenti