Home / Attualità / Emergenza ambientale a Corigliano-Rossano: «Aumentare il taglio della tassa sui rifiuti»

Emergenza ambientale a Corigliano-Rossano: «Aumentare il taglio della tassa sui rifiuti»

L’opposizione: «Applicazione nota Anci inefficace se non si amplia lo spettro di azione del taglio della Tari!»

corigliano rossano

«Bisogna fare molto di più rispetto al taglio della Tari» lo dicono i consiglieri di Opposizione di Corigliano-Rossano, Luigi Promenzio, Aldo Zagarese., Rosellina Madeo e Francesco Madeo commentando la delibera di Giunta in merito alla misure adottate per far fronte alle esigenze delle attività commerciali che hanno subito i danni prodotti dall’emergenza covid-19. «Il taglio della tari – commentano i 4 consiglieri – riguarda solo i giorni di lockdown. E questo – aggiungono – non va bene. Riteniamo che bisogna fare molto di più estendendo il taglio della tassa della spazzatura fino alla persistenza della emergenza sanitaria, 31 luglio 2020, e a tutte le partite Iva, anche quelle non commerciali, danneggiate dalle misure Governative e Comunali».

«Non nascondiamoci dietro un dito – incalzano – la realtà è sotto gli occhi di tutti, per vari motivi la bolletta sulla spazzatura aumenterà drasticamente ad ottobre. Non siamo qui semplicemente per individuare un responsabile ma per trovare una soluzione che possa tutelare il soggetto più importante che in questo momento è il cittadino».

«In questi mesi di chiusura i titolari di partita Iva – ricordano i consiglieri di minoranza – hanno registrato un totale azzeramento del fatturato e dell’incasso che non stanno recuperando da lunedi 18 maggio, giorno di riapertura. La riapertura delle serrande è avvenuta pochi giorni fa, imponendo pesanti e costose misure anti-covid alle attività commerciali e non solo, ma l’incasso e il fatturato degli esercenti non è tornato al, già insufficiente, livello pre-covid».

«Le attività hanno registrato un taglio degli introiti del 70%, prova ne è l’assenza di una piena vita sociale tra le nostre strade, e un forte aumento dei costi economici e burocratici di gestione.
Tante partite Iva hanno deciso di non riaprire e se non diamo un forte segnale ai nostri cittadini tante altre decideranno di chiudere per sempre, ritenendo più conveniente vivere di assistenzialismo».

«L’evasione -scrivono Luigi Promenzio, Rosellina Madeo, Aldo Zagarese e Francesco Madeo – se non interveniamo su un drastico taglio delle tasse, aumenterà, creando un forte danno erariale alle tasche comunali e una forte contrazione delle attività commerciali e della occupazione sul territorio. Sarà una reazione a catena che farà diventare sempre più complessa la ripartenza economica e occupazionale della nostra Città nei prossimi anni e porterà ad una fortissima contrazione degli effettivi introiti comunali e della conseguente erogazione dei servizi. Il pareggio di bilancio per il 2020, se non interveniamo con un serio taglio della tari, sarà solo cartaceo, questo lo sappiamo tutti, e nel 2021 e nel 2022 non sarà neanche quello. Per questo – conclude -comprendendo le difficoltà, chiediamo a tutta l’Amministrazione Comunale un ulteriore sforzo come è stato richiesto 40 giorni fa ai cittadini».


Commenta

commenti