Home / Breaking News / Elezioni 2018, Chiarello chiude la campagna elettorale nella sua Campana

Elezioni 2018, Chiarello chiude la campagna elettorale nella sua Campana

elezioni 2018Elezioni 2018, chiusura di campagna elettorale nella sua campana per Agostino Chiarello, capolista al Senato per la lista Insieme. Dopo un lungo ed entusiasmante  tour che ha toccato tutte le aree del Basso Jonio, di cui Chiarello si è fatto portavoce e le cui vertenze conosce perfettamente, sarà Piazza Santa Croce ad ospitare il comizio finale in cui il sindaco ribadirà il suo impegno nei confronti della sua gente e del suo territorio e ringrazierà quanti lo hanno sostenuto e supportato in questa ardua ma soddisfacente campagna.

“Venerdì tireremo le somme di quella che è stata la campagna elettorale – ha affermato Chiarello – comunque vada sono contento di aver visto negli occhi della gente la stessa voglia di cambiare le cose che mi spinge ogni giorno a lavorare per il mio territorio. Gli attestati di stima che mi sono giunti dai cittadini del Basso Jonio, da politici e da colleghi amministratori sono uno sprone che, nel caso di elezione al Senato, mi aiuterà nel difficile compito di lottare nelle istituzioni nazionali per il Basso Jonio”.

ELEZIONI 2018, CHIARELLO: CI METTO LA FACCIA PUBBLICAMENTE 

Nonostante l’incertezza metereologica venerdì 2 marzo alle ore 16,30 Chiarello ha deciso di andare in piazza per riaffermare il proprio impegno da rappresentante del territorio. Insieme a lui saliranno sul palco Franco Ioverno, consigliere comunale di maggioranza e Mimmo Lerose, segretario del Pd di Campana. In caso di maltempo l’evento si terrà nella sala consiliare del comune.

“Mi congederò da questa campagna elettorale come ho sempre fatto – ha chiosato il capolista al Senato –mettendoci la faccia pubblicamente con un comizio di piazza. Spiegherò alla gente che la buona politica è l’alternativa al populismo. E che la scelta oggi è fra giovani amministratori locali e figure create a tavolino sui social e mai viste sul territorio. Per non parlare di quelli già visti tristemente all’opera negli ultimi decenni. Quelli che hanno distrutto la Calabria con Scopelliti, quelli che hanno svenduto il territorio senza nessuno scrupolo”.

Commenta

commenti