Home / Attualità / Ecoross, il Consiglio Comunale dei Ragazzi visita l’azienda rossanese

Ecoross, il Consiglio Comunale dei Ragazzi visita l’azienda rossanese

Ecoross,il sindaco Alessia Lapietra:”Noi ragazzi abbiamo un ruolo fondamentale per un futuro migliore”

ecorossIl Consiglio comunale dei ragazzi di Rossano nei giorni scorsi ha fatto visita all’Azienda ECOROSS. Accompagnati dal Presidente dell’Associazione “Insieme”, Francesco POLIMENI, e dalla coordinatrice del Ccr, Nora Ornella PUJIA, i giovani amministratori hanno dato seguito a ciò che fa parte del loro programma. Vale a dire visitare una tra le più belle realtà aziendali del territorio in materia di ambiente e raccolta differenziata. Presenti 14 baby consiglieri, guidati dal Sindaco Alessia LAPIETRA. Oltre a qualche genitore. I ragazzi sono stati accolti nell’aula magna dalla Prof.ssa Cinzia TRAINO e dalla Dott.ssa Angela CELESTINO. È stato loro spiegato quali sono la mission, le attività e i servizi erogati dalla Ecoross. Con particolare riguardo al Progetto “Più differenziata. Uniti nel separare”. È stata illustrata anche l’attività decennale di Ricicl’art. Poi la visita agli uffici dell’Azienda e l’incontro con i dirigenti Walter PULIGNANO e Eugenio PULIGNANO. Subito dopo l’Ing. Salvatore ALOE li ha accompagnati nella piattaforma di selezione dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata. Molto entusiasti, prima di andare via sono ritornati negli uffici amministrativi, dove sono stati donati loro diversi gadget. “Da questa esperienza – ha detto il giovane Sindaco Lapietrasiamo usciti più ricchi e più determinati a diffondere le informazioni che abbiamo ricevuto dagli operatori della ECOROSS e con la convinzione che noi ragazzi abbiamo un ruolo fondamentale per un futuro migliore”. Soddisfatto anche l’amministratore unico di Ecoross, Walter Pulignano: “I giovani sono la nostra speranza affinché si diffonda sempre più una sana educazione in materia di raccolta differenziata. Siamo davvero molto felici di aver ospitato la giovane assise comunale. La conoscenza e l’informazione sono alla base di una nuova consapevolezza in materia di rifiuti”.

Commenti
Inline
Inline