Home / Attualità / ECO ECONOMIA – Termine per il pagamento di cartelle e rate posticipato a fine gennaio 2021

ECO ECONOMIA – Termine per il pagamento di cartelle e rate posticipato a fine gennaio 2021

La parola all’esperto che illustra le importanti novità previste dal Decreto Agosto sul posticipo degli adempimenti nei confronti dell’erario

credito d'imposta

Il D.L. 129/2020, in considerazione della perdurante emergenza da covid-19,  ha statuito delle importanti novità in tema di riscossione esattoriale.

A tal proposito l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha rilasciato delle apposite Faq, cui ha fatto seguito  un comunicato stampa esplicativo.

Domenico Pisano

Schematicamente possiamo esplicitare le previsioni favorevoli ai contribuenti:

– slittamento al 31 gennaio 2021 dei termini di pagamento delle cartelle esattoriali;

– posticipo del termine di sospensione dei pagamenti derivanti da cartelle di pagamento, con inizio dall’8 marzo 2020, dal 15 ottobre 2020 al 31 dicembre 2020, quindi, per effetto dell’art. 68, c. 1, del D.L. n. 18/2020, i versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione, per cui il pagamento può slittare  al 31 gennaio 2021;

– sospensione delle rate per le dilazioni dei ruoli, ex art. 19 del DPR 602/73, che scadono dall’8 marzo 2020 al 31 dicembre 2020; anche in questo caso, come per le cartelle, il pagamento deve avvenire in unica soluzione entro il 31 gennaio 2021;

– le domande di dilazione (da cartelle, da avvisi di addebito e da accertamenti esecutivi) già in corso all’8 marzo 2020 o successivamente presentate e accolte entro il 31 dicembre 2020, decadono non più per il mancato pagamento di cinque rate, anche non consecutive, ma di dieci;

– sospensione delle attività cautelari come le ipoteche e i fermi, i quali, nonostante sia stato già notificato il preavviso, non verranno iscritti fino al 31 dicembre 2020.

– sospensione, fino al 31 dicembre, di pignoramenti di salari e stipendi, nonché delle procedure di blocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni.
La norma interviene anche a favore degli agenti della riscossione, stabilendo  uno slittamento dei termini, di prescrizione e di decadenza delle cartelle di pagamento che scadono nel 2020, che vengono posticipati al 31 dicembre 2022.

Permangono dubbi, come segnalato dalla stampa specializzata,  se lo slittamento del termine di pagamento al 31 gennaio 2021 riguardi anche gli accertamenti esecutivi emessi non solo dall’Agenzia delle Entrate ma anche dai Comuni e dagli altri Enti locali.

Sul punto è auspicabile un chiarimento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Da segnalare, infine, che nessuna  sospensione è prevista per le rate da saldo e stralcio degli omessi versamenti e da rottamazione dei ruoli in scadenza nel 2020, le quali dovranno essere versate, in unica soluzione e senza la tolleranza dei cinque giorni, entro il 10 dicembre 2020.

Informazioni reperibili sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it

Dott. Domenico Pisano


Commenta

commenti