Home / Breaking News / Domenico Bevacqua sulla sanità: “Il Consiglio deve riappropriarsi della propria podestà”

Domenico Bevacqua sulla sanità: “Il Consiglio deve riappropriarsi della propria podestà”

mimmo-bevacquaIl consigliere Bevacqua, proseguendo nell’impegno manifestato sin dalla seduta di insediamento,  interviene nuovamente sulle questioni, tutte aperte,  della sanità regionale. “Non posso che condividere   – afferma Bevacqua – il parere espresso ieri sugli organi di stampa dal Prof. Iorio, il quale evidenzia con chiarezza, la centralità attribuita al Consiglio regionale dall’attuale normativa che disciplina il commissariamento. Il Consiglio deve riappropriarsi della potestà che gli è propria e, giacché la programmazione sanitaria deve essere approvata con legge regionale, deve subito avviare le consultazioni con le parti sociali, il personale sanitario e gli amministratori locali, pervenendo alla proposta di un nuovo accordo governo-regione in relazione al programma operativo di riorganizzazione, di riqualificazione e di potenziamento del Servizio sanitario regionale, previsto dalla legge 311/2004”.
“Da tempo – continua Bevacqua – ho depositato formale richiesta di un Consiglio Regionale Straordinario aperto, con all’ordine del giorno la discussione dell’intera problematica e oggi voglio ribadirne l’urgenza e l’indifferibilità;  apprezzo, altresì, il Presidente Oliverio allorché rivendica per la Regione il ruolo di protagonista nelle scelte che urgono per avviare il conseguimento degli standard di una sanità civile”.
“In funzione della titolarità della potestà legislativa – conclude Bevacqua – il Consiglio deve raccogliere la sfida e approvare entro 100 giorni un nuovo piano sanitario regionale che garantisca ai cittadini i livelli essenziali di assistenza e arresti il  processo di depauperamento e desertificazione dei presìdi sanitari presenti sul territorio”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*