Home / Breaking News / Dissesto idrogeologico, solo chiacchiere

Dissesto idrogeologico, solo chiacchiere

dissesto idrogeologicoDissesto idrogeologico, in una nota stampa diffusa oggi, il movimento consiliare #RossanoFutura comunica la propria soddisfazione per l’accordo attivato dal Comune di Rossamo con il Consorzio di Bonifica. L’obiettivo è “elaborare progetti di sistemazione idraulica urgenti ed indifferibili dopo l’alluvione del 12 agosto 2015. A distanza di 15 mesi infatti nulla è stato fatto per la messa insicurezza idrogeologica dei nostri territori. Solo chiacchiere.
Attendiamo ancora che si dia corso alla nostra proposta di un Piano Organico di Assetto Idrogeologico di Rossano e Corigliano che metta ad uno stesso tavolo tutti i soggetti che hanno responsabilità e tra questi quelli che mai sono stati chiamati alle loro responsabilità come ANAS e RFI  le cui reti hanno bisogno di interventi urgente soprattutto per quanto attiene i ponti.

DISSESTO IDROGEOLOGICO, SI SOLLECITA IL SINDACO

Ad oggi però nemmeno il Comune ha messo mano ad interventi che già dovevano essere eseguiti con il danaro (ricordiamolo, 2 milioni di euro!) dell’emergenza.
C’è la rete viaria interpoderale dissestato con strade ancora  chiuse al traffico come quella di Ceradonna, una importante arteria per l’economia rurale di una vasta area collinare.
C’è un palo di pubblica illuminazione che ancora pende sulla testa degli automobilisti sulla strada per Rossano Centro lungo la quale c’è ancora da rimuovere i detriti di alcuni crolli pur a distanza di tanto tempo.
Oggi, raccogliendo l’appello degli abitanti del quartiere Pigna di Rossano Centro vogliamo sollecitare il sindaco affinché richiami gli Uffici ai loro doveri.
Fin dal 18 agosto  2015 i cittadini di via Acqua di Vale hanno segnalato  un dissesto relativo ad un’area pubblica retrostante il Palazzo B3.

Si tratta di uno smottamento dell’area rimasta fin ad oggi persino senza segnaletica pur trattandosi di un luogo frequentato da bambini e dove si recano quotidianamente i cittadini per fruire dei cassonetti dei rifiuti.
Il silenzio degli Uffici Comunali è stato fin qui totale, pur in presenza di una segnalazione da parte di un legale. Ecco perché i cittadini di via Acqua di Vale reclamano il diritto alla sicurezza dei loro figli.
RossanoFutura, che si riserva ulteriori azioni atte a garantire l’incolumità dei cittadini, chiede perciò a voce alta che si operi immediatamente per la messa in sicurezza perché il primo soggetto che deve operare in tal senso è il Comune.

Commenti