Home / Attualità / Disparità di trattamento economico tra lavoratori a tempo determinato e indeterminato: Miur condannato

Disparità di trattamento economico tra lavoratori a tempo determinato e indeterminato: Miur condannato

La sentenza resa dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Castrovillari è arrivata a seguito delle rimostranze giudiziarie della professoressa di Corigliano Rossano

Condannato il Miur al riconoscimento del livello stipendiale corrispondente all’anzianità maturata da una Professoressa della città di Corigliano Rossano ed al pagamento delle differenze retributive fino ad oggi ingiustamente non erogate.

La sentenza resa dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Castrovillari, in accoglimento della tesi difensiva portata avanti dall’Avv. Patrizia Straface, è arrivata a seguito delle rimostranze giudiziarie della professoressa V.C. di Corigliano Rossano, che per i lunghi anni in cui ha prestato servizio con contratto a termine, si è vista costretta a subire da parte dell’Amministrazione scolastica una illegittima disparità di trattamento economico, rispetto ai propri colleghi con contratto a tempo indeterminato.

Le censure mosse innanzi il Giudice del Lavoro – dichiara  l’Avv. Patrizia Straface – richiamando con forza il “principio di non discriminazione” dei lavoratori a termine rispetto ai dipendenti a tempo indeterminato, , sancito dalla Direttiva 1999/70/CE, hanno evidenziato come la natura e la qualità delle mansioni svolte dalla professoressa C.V. durante gli anni in cui ha lavorato come docente con contratto a tempo determinato, fossero da ritenersi assimilabili a quelle dei colleghi assunti con contratto a tempo indeterminato”.


Commenta

commenti