Home / Attualità / Diritto di famiglia, l’avvocato rossanese Marincolo nell’esecutivo nazionale dell’Osservatorio

Diritto di famiglia, l’avvocato rossanese Marincolo nell’esecutivo nazionale dell’Osservatorio

diritto di famigliaL’avvocato rossanese Michele Marincolo entra a far parte dell’esecutivo nazionale dell’Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia. Marincolo da anni figura tra i principali esponenti del sodalizio che riunisce avvocati e operatori del diritto di famiglia. Confermato quale presidente nazionale dell’associazione il Prof. Avv. Claudio Cecchella Ordinario di diritto processuale civile Università di Pisa. L’Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia è una associazione accreditata e riconosciuta presso il Consiglio Nazionale Forense come associazione specialistica maggiormente rappresentativa e associazione forense maggiormente rappresentativa. E’ strutturata in 80 sezioni territoriali, coincidenti con altrettante sedi di tribunale, e con oltre 2500 associati.

DIRITTO DI FAMIGLIA, GLI OBIETTIVI DELL’OSSERVATORIO

Ha come obiettivi la ricerca e lo studio dell’evoluzione e delle tendenze del diritto di famiglia; nonché la promozione di iniziative di studio, confronto, dibattito, formazione e aggiornamento professionale. Michele Marincolo è stato il fondatore della Sezione di Rossano dell’ONDIF (Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia) ed ha ricoperto la carica di Coordinatore della Regione Calabria dell’Osservatorio (composto di 8 sezioni) ed in tale veste, oltre a promuovere la nascita attualmente in corso delle Sezioni presso il Tribunale di Catanzaro, di Lametia e di Paola, ha anche indetto il primo Forum regionale della Calabria a Rossano nell’anno 2017 ed il secondo a Catanzaro nel 2018.

Oltre A Michele Marincolo fanno parte dell’esecutivo Giulia Albiero di Messina, Giuseppina Cennamo di Campobasso, Gianluca Vecchio di Pisa, Grazia Castauro di Brescia, Valeria Mazzotta di Bologna , Annunziata Cerboni Baiardi di Pesaro, Claudia Romanelli di Bari, Silvia Manildo di Treviso, Cristina Sardu di Sassari

Commenta

commenti