Home / Breaking News / Debiti fuori bilancio: il M5S interroga Geraci

Debiti fuori bilancio: il M5S interroga Geraci

debiti fuori bilancioPerché quei debiti fuori bilancio per oltre 194 mila euro che il consiglio comunale non riconobbe nel novembre del 2013, invece, sono stati riconosciuti nel 2016 ? E’ l’interrogativo che il consigliere comunale, Francesco Sapia, a nome del Movimento 5 Stelle ha rivolto nella giornata di ieri al sindaco, al presidente del consiglio comunale, al segretario comunale, all’assessore al bilancio e ai componenti il collegio dei revisori contabili. “Il consiglio comunale di Corigliano Calabro – si legge nel testo dell’interrogazione presentata da Sapia – nella seduta del 27 novembre 2013, riunito per determinarsi sul riconoscimento dei debiti fuori bilancio contratti dal settore manutentivo, riteneva di fare proprio il parere del Collegio dei Revisori Contabili, riconoscendo con la deliberazione n. 60/2013 debiti basati su fatture per un totale di € 910.356,49, ma non riconoscendo invece altri debiti per una somma di € 194.209,28.

Il non riconoscimento delle somme suddette originava da una serie di osservazioni poste appunto dal Collegio dei Revisori Contabili, il quale rilevava irregolarità e lacune nella documentazione giustificativa; si elencano in particolare alcune delle irregolarità rilevate nella documentazione esaminata: “non si ravvisano le comunicazioni prescritte dalla normativa”, “totale assenza di documentazione tecnica e/o qualsivoglia constatazione sul riscontro della regolarità dei lavori”, “discrepanza tra il valore presumibile dell’importo del servizio, espresso nell’ordinanza, e l’importo della fattura emersa dal fornitore”, “assenza dei preventivi nonché di qualsivoglia tecnica utile a comprovare la corretta esecuzione del lavoro”, “le prestazioni effettuate non rientrano nel periodo rìcompreso in determina”, “mancanza del provvedimento autorizzatorio da parte del responsabile di settore”, “illeggibilità della firma in dichiarazione”.

DEBITI FUORI BILANCIO, SAPIA INTERROGA IL SINDACO

Nonostante l’eloquente parere non favorevole espresso nel 2013 dal collegio dei revisori, e il mancato riconoscimento dei debiti in parola che ne scaturì, nell’anno 2016 – prosegue il testo della interrogazione – la Giunta comunale riteneva di dover nuovamente sottoporre al consiglio comunale il riconoscimento di tali debiti a distanza di tre anni; questa volta, i responsabili dei settori Manutenzione, Viabilità, idrico integrato, Ambiente e Finanziario, nonché il nuovo Collegio dei Revisori Contabili, accordavano parere favorevole al riconoscimento di quegli stessi debiti che solo tre anni prima non erano stati riconosciuti a causa delle irregolarità di cui sopra; sulla base di tali pareri, questa volta il consiglio comunale, con deliberazione n. 34/2016, approvava il riconoscimento dei debiti suddetti, seppur con i soli voti della maggioranza consiliare (quattordici) e con ben otto voti contrari”.

Alla luce di ciò il consigliere Sapia interroga il sindaco al fine di conoscere: “le ragioni che hanno indotto la Giunta a presentare nuovamente al consiglio comunale il riconoscimento della legittimità di quegli stessi debiti fuori bilancio non riconosciuti nel 2013”.

Fonte: La Provincia di Cosenza


Commenta

commenti