Home / Attualità / Da Rossano a Cosenza? Due ore con il pullman… A breve riavvio lavori strada diga di Tarsia

Da Rossano a Cosenza? Due ore con il pullman… A breve riavvio lavori strada diga di Tarsia

La strada provinciale 197, nota come strada della “diga di Tarsia”

Se al giorno d’oggi con la macchina si impiegano circa 50 minuti per andare da Rossano a Cosenza passando per la strada della diga di Tarsia, con i mezzi del trasporto pubblico ce ne possono volere anche 120, ovvero due ore. Passando, però, da Apollinara o dalla statale 534 attraverso lo svincolo autostradale di Spezzano-Tarsia nord. Fino a circa quindici anni fa i pullman potevano passare anche dalla strada della diga. Poi l’ordinanza che ha vietato il transito dal ponte sulla diga ai mezzi pesanti.

 

LA PROVINCIA VUOLE CONCLUDERE L’OPERA AL PIU’ PRESTO

camion nei pressi del cantiere del nuovo ponte sul Crati

Circa dieci anni fa, poi, il progetto della Provincia di Cosenza, con l’allora Presidente Mario Oliverio, per il riammodernamento della strada provinciale 197. Progetto consistente nell’allargamento della sede stradale dall’incrocio per Tarsia fino al ponte per Terranova da Sibari, passando per la diga. Una buona parte è stata parzialmente finita, ma i lavori si sono bloccati più volte e l’ultima volta circa un anno fa, alla galleria che dovrebbe poi sbucare nei pressi della diga. Nei giorni scorsi si sono visti dei mezzi pesanti proprio in quel punto per scaricare materiale. I lavori dovrebbero riprendere a breve e poi si proseguirà con l’allargamento della strada fino al ponte di Terranova da Sibari.

Franco Iacucci e Mario Oliverio

L’attuale Presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci, ha dato mandato agli uffici competenti di riprendere al più presto i lavori. Dalla sua parte anche il Governatore della Regione Calabria, Mario Oliverio, che su questa strada ha sempre puntato tanto. La strada della diga, una volta riammodernata, potrà essere percorsa di nuovo dagli autobus e per raggiungere l’Unical o Cosenza occorrerà certamente di meno rispetto alle due ore di oggi.

 

Commenta

commenti