Home / Breaking News / Cultura,la casa editrice Ferrari presenta “Little Olive”

Cultura,la casa editrice Ferrari presenta “Little Olive”

Cultura,conversazione d’autore con il romanzo “Little Olive” di Graziano Delorda

culturaCultura. Nell’ambito degli appuntamenti che si svolgono nella creativa fucina culturale di Modo Infoshop, a Bologna,lo scorso venerdì 9 dicembre, si è parlato del romanzo dello scrittore siciliano Graziano Delorda, “Little Olive” edito dalla Casa Editrice rossanese Ferrari Editori  Ha conversato con l’autore il giornalista e critico musicale Tony Face Bacciocchi, precursore e noto esponente della cultura mod italiana. La serata si è rivelata un successo sia per la partecipazione di appassionati, sia per gli attestati di stima ricevuti da importanti rappresentanti della cultura contemporanea.

È stata una vera immersione nel caleidoscopico universo della graffiante prosa di Graziano Delorda: un viaggio nella nascente Swinging London, tra memorie della vecchia cultura psichedelica, ma anche tra suggestioni siciliane e una strabordante e ironica storia musicale. Una conversazione sicuramente d’autore, accompagnata dal ricordo del suono di un vinile (il libro prende il titolo dall’omonimo brano, scritto e interpretato da James Lowe, voce della band statunitense The Electric Prunes) … immersa nell’atmosfera di uno spazio ricco di cultura e del tempo che scorre assecondando pensieri seducenti e accattivanti ritmi rock. “Siamo sempre felici di portare fuori l’esempio di un Sud che piace e conquista attraverso la forza della scrittura e delle idee”, cosi i due direttori della Ferrari Editore, Settimio Ferrari e Francesca Londino, hanno commentato la presentazione del romanzo.

L’AUTORE

Graziano Delorda vive e scrive a Messina, immerso tra libri, fumetti, buona musica e dischi volanti. Apprezzato da critica e pubblico per la sua scrittura acuta e graffiante. Ha pubblicato i romanzi “Pace” (2010), “La serpe nera”(2011) e “Little Olive” (2016). Alcuni suoi brevi racconti sono scritti per il suo blog che in pochi anni ha raggiunto oltre 100mila visite.

Commenti
Inline
Inline