Home / Breaking News / Crosia, giunta comunale estranea ai fatti di Longobucco

Crosia, giunta comunale estranea ai fatti di Longobucco

crosiaIl sindaco Antonio Russo e la Giunta comunale smentiscono categoricamente la polemica in atto da parte di alcune aree politiche cittadine. Che avrebbero accusato l’amministrazione crosiota di essere coinvolta nelle vicende che hanno interessato le elezioni comunali di Longobucco. “Ci dissociamo, in blocco e senza alcun indugio dagli attacchi, senza fondamenta, che ci sono stati rivolti. Dietro alla macchina del fango – come è già stato ribadito – c’è una regia oscura. Ordita da qualcuno al quale, perso e sempre più solo, non rimane altro che seminare zizzania e innescare trappole. Di cui prima o poi si troverà vittima. I fatti di Longobucco non ci riguardano e non riguardano direttamente nessun componente della Giunta e della Maggioranza. Piuttosto qualcuno dovrebbe fare mea culpa per quanto accaduto e guardare in casa propria. – INTERVENIAMO PER TUTELARE L’IMMAGINE, L’ONORE E LA DIGNITÀ DELLA COMUNITÀ DI MIRTO-CROSIA!

Questi attacchi vili distruggono l’immagine, il buon nome e l’onorabilità della nostra Città. E non ci meravigliamo che ad ordirli siano proprio coloro che, unitisi in alleanza, hanno, negli anni passati, ridotto Crosia in una vera e propria cloaca di inadempienze e corruzione. E che oggi vorrebbero far desistere questa Amministrazione comunale e, di conseguenza, l’intera cittadinanza da quel percorso di crescita e cambiamento che con tanti sacrifici si sta portando avanti. Ostacolando a tutti i costi e inventando storie e fantasie di ogni genere,

CROSIA: ORMAI IN POCHI CONTINUANO LA PRATICA PERVERSA DELLA MACCHINA DEL FANGO

Non lo permetteremo a nessuno! Perché abbiamo la coscienza pulita. Sappiamo di aver ristabilito quel giusto equilibrio di legalità e trasparenza all’interno dell’apparato cittadino. Abbiamo introdotto regole e disciplina all’interno della macchina comunale e nella gestione dei servizi. Ed evidentemente danno fastidio a qualcuno. I presunti “favori”, che hanno animato la campagna elettorale di Longobucco e che avrebbero coinvolto il congiunto di un nostro amministratore, non ci appartengono. Non sono riscontrabili nei fatti amministrativi di Crosia. Ognuno, per sé, si assume le eventuali responsabilità di quanto dice e opera. L’Esecutivo di Crosia non ha preso posizioni nella competizione di Longobucco.

A dire il vero un componente della Maggioranza è stato invitato a prendere parte ad un confronto pubblico. Organizzato dalla lista opposta a quella che è stata coinvolta nello scandalo mediatico. E siamo stati chiamati a portare la testimonianza, in modo bipartisan, del virtuosismo di un’Amministrazione comunale che ha rivoluzionato in meglio ogni ambito della gestione della cosa pubblica. E che ha riaffermato legalità e trasparenza. Ne facciano ammenda quanti, ormai in pochi, continuano la pratica perversa della macchina del fango. Siete rimasti soli. E la vostra razza è ormai – fortunatamente per Crosia – in via d’estinzione!

Commenta

commenti