Home / Attualità / Crollo del 38% degli investimenti e del 76.5% degli incentivi. Unindustria Calabria: serve una nuova politica industriale

Crollo del 38% degli investimenti e del 76.5% degli incentivi. Unindustria Calabria: serve una nuova politica industriale

Branda,Manna,mazzuca,perciaccante-ecc“Dal 2007 al 2013, periodo centrale della crisi economica, gli investimenti sono crollati del 38% nel Mezzogiorno”. A dichiararlo è il direttore delle politiche fiscali di Confindustria, Francesca Mariotti, intervenendo a Cosenza al seminario sul tema “Voglia di ripartenza: agevolazioni per le imprese” che si è tenuto nella sede cittadina di Confindustria. “Il crollo degli investimenti – ha aggiunto Mariotti – si traduce in perdita di competitività. A tal proposito, Confindustria ha chiesto al Governo incentivi chiari, volti a sostenere gli investimenti delle imprese”.
La giornata è stata organizzata per dare risposte concrete alle esigenze che emergono dal mondo delle imprese e di quanti hanno necessità e desiderio di investire.
“Il sistema degli incentivi nel Mezzogiorno – ha dichiarato il presidente di Unindustria Calabria, Natale Mazzuca – è calato del 76,5%, quindi, è diventata necessaria una nuova politica industriale che possa sostenere il sistema delle imprese. Dobbiamo lavorare per rafforzare il tessuto produttivo e lo sviluppo integrato di settori ed aree di intervento grazie alla conoscenza ed all’impiego efficace delle risorse nazionali, comunitarie e regionali, perché il Mezzogiorno concretamente potrebbe diventare un volano di sviluppo essenziale, non solo per noi, ma per tutto il Paese”.

Conoscere le effettive possibilità e le opportunità offerte tanto a livello nazionale che locale, magari con l’utilizzo dei fondi comunitari risulta indispensabile e decisivo per assicurare il successo e la migliore riuscita delle possibili iniziative di investimento. Credito d’imposta, nuova Sabatini e maxi ammortamento sono le provvidenze nazionali che sono state oggetto di approfondimento.
“Facendo leva su un nuovo modo di approcciare ed utilizzare i fondi comunitari – ha sostenuto Giovan Battista Perciaccante, presidente Comitato Mezzogiorno Ance – la nuova programmazione potrà affrontare e tentare di risolvere le tante partite aperte, che ostacolano il pieno rilancio dell’economia locale. É apprezzabile la scelta della Regione Calabria di individuare nell’edilizia una delle aree di possibile specializzazione verso le quali orientare gli investimenti in tema di Ricerca e Sviluppo”.
Al tavolo dei relatori anche il direttore generale del dipartimento Programmazione nazionale e comunitaria della Regione, Paolo Praticò, secondo il quale “il Pon Calabria prevede misure incentrate sull’innovazione e su strumenti attuativi che fanno ricorso a procedure automatiche e semplificative. Sono misure che prevedono il finanziamento per l’acquisto di macchinari innovativi, contribuiscono all’attuazione del credito d’imposta, promuovono strumenti di ingegneria finanziaria e sostengono le start up. Il primo bando a sostegno delle imprese è già online, e consente l’acquisto di servizi qualificati e innovati da parte delle imprese”.
Ha moderato i lavori il direttore di Confindustria Cosenza, Rosario Branda. L’evento è stato organizzato da Unindustria Calabria e patrocinato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Cosenza, rappresentati dal loro presidente, Andrea Manna.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*