Home / Attualità / Covid e zona rossa: nonostante il nubifragio, a Corigliano continuano gli assembramenti

Covid e zona rossa: nonostante il nubifragio, a Corigliano continuano gli assembramenti

Nuovo blitz dei carabinieri della Compagnia ausonica che hanno sanzionato 10 persone e chiuso un circolo ricreativo

C’è chi alle restrittive normative anti-covid si è assuefatto, chi le ha accettate con filosofia, chi le rispetta a fasi alterne e, poi, ci sono i riottosi, quelli che le regole proprio non le manda giù. E le infrange. Tempi duri per i tutori dell’ordine che, oltre al grande lavoro per la sicurezza e per tenere a bada la criminalità che a queste latitudini non manca mai, da settimane ormai sono alle prese con le nuove norme imposte dai continui DPCM atti ad arginare il contagio da coronavirus.

A Corigliano-Rossano, i carabinieri della compagnia di Corigliano, guidati dal capitano Cesare Calascibetta, fanno sul serio e anche ieri sera, nonostante giove pluvio abbia continuato a buttar giù acqua fino a tarda serata, sono stati costretti ad intervenire per far rispettare le regole anti-contagio.

Proprio nella serata di ieri, infatti,  i militari della Stazione di Corigliano Centro, della Stazione di Corigliano Scalo ed altri colleghi della Compagnia di Corigliano in supporto, dopo un’attenta osservazione e anche a seguito delle segnalazioni pervenute da alcuni cittadini, hanno fatto irruzione all’interno di un circolo ricreativo situato nel quartiere San Francesco, nel centro storico, assolutamente non visibile dalla strada poiché posizionato quasi nel sottoscala di un palazzo. La scena che si è presentata agli occhi dei militari lasciava poco adito a dubbi: un vero e proprio assembramento di 10 persone, oltre al titolare, riunite tranquillamente a mangiare e a bere, prive di mascherine. Nessun distanziamento né alcunché di dispositivi di protezione individuale.

I Carabinieri hanno sanzionato tutti gli avventori del locale con un’ammenda pari a 400 euro ciascuno, mentre nei confronti del titolare dell’attività è stata irrogata una sanzione pecuniaria amministrativa, con relativa sospensione della medesima attività e chiusura del circolo ricreativo, provvedendo a segnalare il tutto alla Prefettura di Cosenza per eventuali ulteriori sanzioni. Gli avventori, obbligati ad indossare le necessarie ed importanti mascherine, sono stati fatti uscire dal circolo ed è stata disposta la chiusura immediata della predetta attività.


Commenta

commenti