Home / Attualità / Cosenza, è calabrese il migliore liquore al mondo

Cosenza, è calabrese il migliore liquore al mondo

cosenzaCOSENZA – Attestazione doppia per il liquore Jefferson – amaro importante del vecchio magazzino doganale. A cui va il riconoscimento di migliore liquore al mondo, grazie alla vittoria del prestigioso World Liqueur Awards. A darne notizia è il Convivium Slow Food Pollino Sibaritide Arberia. Che si complimenta con Ivano Trombino, titolare e animatore di questa realtà imprenditoriale giovanissima, per il risultato che premia scelte e metodi. Come l’aver messo in atto il proprio ritorno alla terra; ed esser diventato ambasciatore e promotore del migliore utilizzo degli ingredienti autoctoni; in quella che viene sempre più riconosciuta e definita come Mixology; e cioè la preparazione di cocktail con movimenti meno acrobatici ma eleganti. Con un ritorno alle origini, basato sulla misurazione attenta degli ingredienti.

“Quello dei cocktail identitari attraverso la riscoperta e la valorizzazione nei bar e nei pub della grande varietà di botaniche ed erbe officinali – ribadisce il Fiduciario Lenin Montesanto – rappresenta per noi una delle nuove frontiere, faccia a faccia con le nuove generazioni, nella più complessiva sfida pedagogica, che stiamo portando avanti sui territori, continuando a promuovere la sovranità alimentare, il consumo consapevole, l’agricoltura sostenibile e l’economia circolare. Forte al naso, amarezza all’inizio che passa. Morbido e liscio e molto ben equilibrato con un finale a base di erbe. – È, questa, la motivazione con la quale la commissione internazionale del Premio londinese ha selezionato ed individuato il Jefferson prima come migliore liquore alle erbe e poi come migliore liquore in assoluto tra le etichette provenienti da ogni angolo del Pianeta.  

COSENZA, GLI INGREDIENTI E L’ATTENZIONE AI DETTAGLI

Identità e suggestioni nell’autentica ricetta del 1871 creata da Mr. Jefferson. La storia narra che, sopravvissuto al naufragio e trovando rifugio nel Vecchio Magazzino Doganale, fu lui a selezionare da tutto il territorio calabrese agrumi, spezie ed erbe aromatiche. Oggi il tutto viene riprodotto in modo autentico prestando molta attenzione ai dettagli. Sono il bergamotto, le arance amare e dolci, il rosmarino e l’origano le botaniche principali coltivate in Calabria, che unite ad altre erbe e spezie rendono naturale e unico Jefferson. Il suo gusto mediterraneo si lascia apprezzare sia a temperatura ambiente che freddo. Originale in miscelazione nei grandi classici, quali l’Americano, il Martineze il Boulevardier, in sostituzione del Vermut.

Commenta

commenti