Home / Attualità / Cosenza, conferita lettera di merito dell’accademia CISCO a un giovane informatico

Cosenza, conferita lettera di merito dell’accademia CISCO a un giovane informatico

cosenzaE’ originario di Cosenza ed è l’unico vincitore calabrese dell’esame finale dell’accademia CISCO. Si tratta di Gianotti Carlo Antonio, 31enne (in foto il giovane col maglione bianco). Che di mestiere fa il tecnico informatico ed è specializzato in cybersecurity. Alle spalle l’esperienza di tecnico sistemista nel “NED”, Nucleo elaborazione dati dell’Esercito Italiano. Il 3 Dicembre 2018 ha partecipato con lodevole profitto a un prestigioso corso didattico informatico; tenutosi e coordinato dal Ministero Della Difesa presso la cittadella militare della Cecchignola di Roma; più precisamente presso la Scuola Delle Trasmissioni e Informatica SCUTI, Caserma Perrotti.
 
41 i giovani partecipanti di provenienza nazionale, ma solo in 3 sono riusciti a sostenere l’esame finale. Carlo guadagna il 2° posto, realizzando anche una votazione superiore alla media. Viene quindi premiato dal CEO di CISCO, Chuck Robbins, con una lettera di merito”
COSENZA, GIANOTTI: PORTO A CASA RISULTATI E SODDISFAZIONI
“Dopo mesi di preparazione e sacrifici – dice il giovane informatico – porto a casa risultati e soddisfazioni. Ciò non sarebbe stato possibile senza il costante e incoraggiante sostegno del Ministero Della Difesa e del loro direttivo di coordinamento formato dal Maggiore nonché istruttore Gabriele De Paolis (in foto con la mimetica è il 1° a sinistra), il Maggiore Biagio Ciliberti, il Maresciallo luogotenente Giorgio Fedele (in foto con divisa scura)e collaboratrice. Ringrazio anche il CEO di CISCO che oltre ad avermi rilasciato la tanta sudata certificazione, mi ha omaggiato di quella fantastica lettera di merito. Infine mi complimento con i 2 colleghi: “Gabriele Polella” campano e “Andrea Vassallo” romano, anch’essi omaggiati e certificati dalla CISCO per gli ottimi risultati raggiunti, 2 persone speciali con cui ho fatto squadra e che mi hanno messo in condizione di non desistere dall’impegno preso molti mesi addietro.”

Commenta

commenti