Home / In Evidenza / Coronavirus, Stasi: nuovo caso positivo a Corigliano Rossano. Permane il problema dei tamponi

Coronavirus, Stasi: nuovo caso positivo a Corigliano Rossano. Permane il problema dei tamponi

CoronavirusÈ di un “solo” caso positivo il bilancio dei contagi da Coronavirus registrati a Corigliano Rossano nella giornata di oggi, 2 aprile. Ad annunciarlo il sindaco Flavio Stasi con un messaggio social sulla sua pagina Facebook.

“Oggi registriamo un nostro concittadino risultato positivo al Covid-19. Sta bene, era già in quarantena presso la sua abitazione e mandiamo a lui ed a tutti i nostri concittadini positivi il nostro sostegno affinché guariscano al più presto. I casi in Calabria anche oggi non sono molti ma dobbiamo continuare a resistere perchè, come ho scritto anche stamattina, la nostra regione è in un campo minato a causa della fragilità del suo sistema sanitario.

Continua a mio avviso il problema dei famigerati tamponi sul quale domani chiederò riscontri precisi: sicuramente nessuno intende causare una carenza di tale gravità, ma sono altrettanto certo che si debbano trovare soluzioni strutturali subito.

Sul bonus spesa, che così come era ampiamente prevedibile ha creato enormi aspettative: stasera sono stati pubblicati gli avvisi sia per le attività commerciali che intendono aderire sia per gli aspiranti beneficiari. Le richieste, come è scritto sul bando e come vi avevo preannunciato ieri, si potranno fare esclusivamente on-line, per cui non dovrete recarvi in nessun ufficio e non dovrete stampare nessun modulo. Non abbiate fretta perché si potrà effettuare la domanda da domani fino a martedì.

Per i nostri concittadini che hanno qualche difficoltà con le procedure on-line, non dovete preoccuparvi: domattina saranno attivi 3 numeri telefonici (cellulare) pronti ad aiutarvi. Per la mattinata di lunedì, qualora qualcuno dovesse avere difficoltà nel contattare numeri di cellulare, saranno attivi altri 6 numeri telefonici fissi. Spero basti per #FarRestareTuttiACasa, quantomeno per la richiesta.

Sui criteri, era inevitabile che qualsiasi scelta avrebbe creato contenti e scontenti, perché ci sono tante persone da sostenere, messe in difficoltà dall’emergenza coronavirus, e pochi soldi per farlo. In questi casi, è comunque necessario fare delle scelte e di assumersene la responsabilità. Domani risponderemo a tutte le varie domande che state ponendo fin da ieri, sia sul sito istituzionale che sui social.

Infine oggi, a seguito di ulteriori riunioni con il mondo del volontariato, abbiamo deciso di potenziare lo “spazio della solidarietà” che si sta occupando in questa fase di consegnare beni di prima necessità e farmaci a chi ne avesse bisogno (il numero che non scrivo da un po’ è 0983356482) oltre ad attivare un servizio per coloro che hanno bisogno di prelievi urgenti ed indifferibili a domicilio per il quale potete chiamare in Protezione Civile Comunale.

Insomma, stiamo provando a mettere in campo tutto ciò che è possibile come istituzioni (senza distinzioni), Protezione Civile e volontariato per permettere alla nostra comunità di combattere e vincere questa guerra, restando a casa”.


Commenta

commenti