Home / Breaking News / Coronavirus, a Corigliano Rossano nessun nuovo caso positivo. Nelle prossime ore in arrivo nuovo personale per lo Spoke

Coronavirus, a Corigliano Rossano nessun nuovo caso positivo. Nelle prossime ore in arrivo nuovo personale per lo Spoke

Stasi sottolinea come nello Spoke di Corigliano Rossano non esista attualmente nessun reparto Covid-19

CoronavirusNel breve videomessaggio realizzato come è ormai di consuetudine per aggiornare la cittadinanza sull’andamento del contagio in città, il sindaco di Corigliano Rossano Flavio Stasi ha annunciato che non ci sono nuovi contagi in città, invitando però come sempre alla massima prudenza a fronte del dato regionale di oggi, piuttosto negativo (oltre 100 i nuovi casi positivi). Il primo cittadino passa poi a ribadire come “nell’Ospedale Spoke di Corigliano Rossano non esista attualmente nessun reparto Covid-19. Sono costretto a ripeterlo sebbene lo abbia già sottolineato diverse volte in questi giorni, precisando che abbiamo preteso – io in primis – che il reparto si debba realizzare nella massima sicurezza. I pazienti affetti da Coronavirus sono infatti dislocati in altri ospedali del territorio. I lavori per la realizzazione del reparto sono in corso e stanno prevedendo la creazione di percorsi dedicati, ascensore dedicato, ecc. Ovviamente ci auguriamo che nel momento in cui saranno terminati i lavori non ci sarà più bisogno di un altro reparto Covid-19. Relativamente alle misure di sicurezza, ho chiesto all’Asp il dispiegamento di nuovo personale sanitario di cui disporre sia per il potenziamento dei pronto soccorso sia per la gestione dei reparti d’emergenza ospedalieri e ho fiducia nel fatto che ciò accadrà nelle prossime ore perché ho ricevuto rassicurazioni e garanzie in tal senso”. Relativamente alle difficoltà economiche legate all’emergenza e fattesi sempre più gravose, il sindaco ha sottolineato che l’amministrazione “attraverso una delibera di giunta, ha sospeso tutti i pagamenti di competenza comunale, ivi comprese le rateizzazioni. Non è molto ma lavoreremo per “inventarci” nuovi e differenti modi di offrire supporto e sostegno alle famiglie in difficoltà”.

Commenta

commenti